Giove dovrebbe avere anelli più grandi e spettacolari di quelli di Saturno, ecco dove sono finiti

Giove dovrebbe essere dotato di anelli molto vistosi, da far sfigurare Saturno: un nuovo studio spiega perché non è così

MeteoWeb

Dato che è più grande, Giove dovrebbe avere anelli più grandi e spettacolari di quelli di Saturno: una nuova ricerca dell'UC Riverside ha dimostrato che sono le enormi lune del gigante gassoso a impedire a quella visione di illuminare il cielo notturno.

"Non mi dava pace il motivo per cui Giove non ha anelli ancora più sorprendenti che farebbero vergognare Saturno," ha dichiarato l'astrofisico dell'UCR Stephen Kane, che ha guidato la ricerca. "Se Giove li avesse, ci sembrerebbero ancora più luminosi, perché il pianeta è molto più vicino di Saturno". Kane si è anche domandato se Giove avesse avuto un tempo anelli meravigliosi e li avesse persi. È possibile che le strutture ad anello siano temporanee.

Per comprendere il motivo per cui Giove ha attualmente l'aspetto che ha, Kane e il ricercatore Zhexing Li hanno eseguito una simulazione dinamica al computer che tiene conto delle orbite delle quattro lune principali di Giove, nonché dell'orbita del pianeta stesso e delle informazioni sul tempo necessario per la formazione di anelli. I loro risultati sono disponibili online e presto saranno pubblicati su Planetary Science.

Gli anelli di Saturno sono in gran parte fatti di ghiaccio, parte del quale potrebbe provenire da comete, anch'esse in gran parte fatte di ghiaccio. Se le lune sono sufficientemente massicce, la loro gravità può scagliare il ghiaccio fuori dall'orbita di un pianeta, o cambiare l'orbita del ghiaccio abbastanza da farlo scontrare con le lune.

"Abbiamo scoperto che le lune galileiane di Giove, una delle quali è la più grande luna del nostro sistema solare, distruggerebbero molto rapidamente tutti i grandi anelli che potrebbero formarsi," ha spiegato Kane. Di conseguenza, è improbabile che Giove abbia avuto grandi anelli in qualsiasi momento del suo passato. "I pianeti massicci formano enormi lune, il che impedisce loro di avere anelli significativi," ha detto Kane.

Tutti e quattro i pianeti giganti del nostro Sistema Solare – Saturno, Nettuno, Urano e anche Giove – hanno anelli. Tuttavia, sia gli anelli di Nettuno che quelli di Giove sono così deboli che sono difficili da vedere con i tradizionali strumenti per osservare le stelle. Casualmente, alcune delle immagini recenti del telescopio spaziale James Webb includevano immagini di Giove, in cui sono visibili i deboli anelli. "Non sapevamo che questi anelli effimeri esistessero fino a quando la navicella spaziale Voyager non è passata vicino, perché non potevamo vederli," ha dichiarato Kane. Urano ha anelli che non sono così grandi ma lo sono più di quelli di Saturno. Guardando al futuro, Kane intende eseguire simulazioni delle condizioni su Urano per scoprire quale potrebbe essere la durata degli anelli di quel pianeta.

Alcuni astronomi ritengono che Urano sia ribaltato su un fianco a causa di una collisione che il pianeta ha avuto con un altro corpo celeste: i suoi anelli potrebbero essere i resti di quell'impatto. Al di là della loro bellezza, gli anelli aiutano gli astronomi a comprendere la storia di un pianeta, perché offrono prove di collisioni con lune o comete che potrebbero essere avvenute in passato. La forma e la dimensione degli anelli, così come la composizione del materiale, offre un'indicazione sul tipo di evento che li ha formati. "Per noi astronomi, sono gli schizzi di sangue sulle pareti di una scena del crimine. Quando guardiamo gli anelli di pianeti giganti, è la prova che è stato qualcosa di catastrofico a mettere lì quel materiale," ha concluso Kane.