Cinque incendi attivi in Puglia, evacuazioni nel Foggiano: elicotteri in azione in Sardegna | FOTO

Sono 19 le richieste di concorso aereo al Dipartimento della Protezione Civile oggi: case evacuate per l'incendio ad Ascoli Satriano, nel Foggiano

/
MeteoWeb

Altra giornata infernale per quanto riguarda gli incendi in Puglia, dopo i vasti roghi registrati nei giorni scorsi. Sono cinque gli incendi attualmente attivi nella regione per una superficie complessiva in fiamme di oltre 150 ettari. E’ ancora in corso l’incendio a Minervino Murge (BAT), dove dall’alba di ieri brucia un’area boschiva di circa sessanta ettari. Oltre al personale Arif, Vigili del Fuoco, Carabinieri forestali e Protezione Civile, sono al lavoro due Canadair. A Spinazzola, sempre nel Nord Barese, brucia un’area boschiva di circa sessanta ettari limitrofa al bosco comunale. A lavoro ci sono una decina di unità tra personale antincendio dell’Arif, l’agenzia regionale per le attività irrigue e forestali, Vigili del Fuoco, forestali e volontari di Protezione Civile. 

Nel Tarantino, a Castellaneta, sono gia’ andati distrutti una ventina di ettari in localita’ Speziale. Anche qui sono intervenuti due mezzi aerei in supporto alle unita’ da terra. Infine nel Foggiano, oltre al vasto incendio divampato nel pomeriggio ad Ascoli Satriano, dove le fiamme sono arrivate a ridosso del centro abitato, un altro rogo e’ scoppiato a Manfredonia, in localita’ San Salvatore. Brucia prevalentemente macchia mediterranea estesa su una decina di ettari. È intervenuto anche un Canadair decollato da Ciampino. 

Ad Ascoli Satriano, sono state evacuate una decina di persone. Ma ora fortunatamente le fiamme sono sotto controllo le fiamme, alimentate dal forte vento, sono sotto controllo. I soccorritori sono riusciti ad evitare che le fiamme raggiungessero le abitazioni (vedi foto della gallery scorrevole in alto). Nessun danno risulta infatti alle case e il rogo attualmente e’ confinato nell’area boschiva.  

Oggi 19 incendi in Sardegna 

Su un totale di 19 incendi scoppiati oggi in Sardegna, sono almeno cinque quelli che hanno richiesto, oltre all’intervento delle squadre a terra, anche quello di mezzi aerei. Ad esempio, nel Comune di Loiri Porto San Paolo, località “Rio de li Traesseddi”, dove è intervenuto un elicottero proveniente dalla base di Limbara assieme a due squadre dell’Agenzia Forestas dei cantieri di Loiri Porto San Paolo e Olbia-Murta Maria, alla squadra della Compagnia barracellare di Loiri Porto San Paolo e alle squadre dei pompieri Olbia.  

Nel caso dell’incendio nel Comune di Serdiana, in località “Riu sa Frissa”, si è alzato in volo un elicottero proveniente dalla base di Villasalto. Qui sono intervenute la squadra della Compagnia barracellare di Sestu, le squadre dei pompieri di Cagliari e la squadra di volontari delle associazioni di Sinnai-Masise. Un altro rogo si è verificato nel Comune di Decimomannu, in località “Is Tuppas”: lo spegnimento è stato coordinato dal personale della Stazione del Corpo Forestale di Uta, coadiuvato dal personale a bordo dell’elicottero proveniente dalla base di Pula. A terra sono intervenute squadre dei pompieri di Cagliari di volontari delle associazioni di Assemini e San Sperate, ed il Gauf di Cagliari. Infine, per l’incendio nel Comune di Loiri Porto San Paolo, in località “Rio d”Ovilo”, è arrivato l’elicottero proveniente dalla base di Alà dei Sardi. 

Oggi 19 richieste d’intervento aereo 

Nella giornata odierna gli equipaggi dei Canadair e degli elicotteri della flotta aerea dello Stato, coordinati dal Dipartimento della Protezione Civile sono stati impegnati dalle prime luci del giorno nelle operazioni di spegnimento dei numerosi incendi boschivi per cui si è reso indispensabile il supporto aereo alle operazioni svolte dalle squadre a terra.  

Secondo i dati disponibili alle ore 18.00, sono 19 le richieste di concorso aereo ricevute dal Centro Operativo Aereo Unificato (COAU) del Dipartimento, di cui 6 dalla Sicilia, 4 dalla Calabria, 4 dalla Puglia, 2 ciascuna da Lazio e Basilicata e una dall’Umbria.  

L’intenso lavoro svolto dai piloti dei mezzi aerei ha permesso di mettere sotto controllo o spegnere, finora, 6 roghi. Le attività di lancio di acqua e liquido ritardante ed estinguente proseguiranno finché le condizioni di luce consentiranno di operare in sicurezza.  

È utile infine ricordare che la maggior parte degli incendi boschivi è causata da comportamenti superficiali o, spesso, dolosi e che la collaborazione dei cittadini può essere decisiva nel segnalare tempestivamente al numero di soccorso del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco 115 o, dove attivato, al numero unico di emergenza 112 anche le prime avvisaglie di un possibile incendio boschivo. Fornendo informazioni il più possibile precise, si contribuisce in modo determinante nel limitare i danni all’ambiente, consentendo a chi dovrà operare sul fuoco di intervenire con tempestività, prima che l’incendio aumenti di forza e di capacità distruttiva.