Maltempo nel Bresciano, alluvione in Valcamonica: a Niardo e Braone si continua a scavare nel fango

Le ruspe scavano nel fango a Niardo e Braone, è iniziata la conta dei danni

MeteoWeb

Proseguono le operazioni di messa in sicurezza a Niardo e Braone, i due paesi della Valcamonica, nel Bresciano, colpiti da un nubifragio che ha fatto esondare i torrenti che li attraversano: le ruspe hanno ripreso a scavare nel fango ed è iniziata la conta dei danni. Nella notte non si sono registrate precipitazioni rilevanti. Oltre 230 persone sono state evacuate: la palestra del liceo goal G di Breno, trasformata in dormitorio, ma è rimasta vuota in quanto gli sfollati sono stati ospitati da conoscenti.

In quanto ai danni, "abbiamo superato quota 700mila euro. I lavori realizzati in questi anni hanno evitato che la tragedia potesse essere ancora più grave," ha spiegato l'assessore regionale al Bilancio Davide Caparini.

Per monitorare la situazione meteo in tempo reale, ecco le migliori pagine del nowcasting: