La NASA posticipa di un anno il lancio del rover lunare VIPER

Il ritardo di un anno è necessario per condurre ulteriori test a terra del lander Astrobotic

MeteoWeb

La NASA ha posticipato di un anno il lancio di un rover lunare, per eseguire ulteriori test del suo lander commerciale. L'Agenzia ha dichiarato di avere riprogrammato il lancio della sua missione Volatiles Investigating Polar Exploration Rover (VIPER) da novembre 2023 a novembre 2024. Il rover è progettato per atterrare vicino al cratere Nobile nelle regioni polari meridionali della Luna per cercare ghiaccio d'acqua, di interesse sia per gli scienziati lunari che come risorsa per future missioni umane.

Il ritardo di un anno è necessario per condurre ulteriori test a terra del lander lunare Griffin che Astrobotic sta costruendo per portare VIPER sulla superficie lunare. La NASA ha assegnato ad Astrobotic un ordine di attività nel giugno 2020 per il trasporto di VIPER nell'ambito del programma CLPS (Commercial Lunar Payload Services) dell'Agenzia. La NASA ha affermato che i test aggiuntivi hanno lo scopo di ridurre i rischi relativi all'atterraggio.

VIPER è di gran lunga il carico utile più grande e costoso assegnato a una missione CLPS fino ad oggi, con una stima ufficiale dei costi per 433,5 milioni di dollari. 

Non è il primo ritardo per il rover: quando l'Agenzia ha annunciato la missione nel 2019, prevedeva un lancio alla fine del 2022 con un costo di 250 milioni di dollari. Quando l'Agenzia ha assegnato l'ordine di attività CLPS per VIPER ad Astrobotic, l'Agenzia ha posticipato il lancio alla fine del 2023 per migliorarlo e consentirgli di operare per 100 giorni, rispetto ai 14 originariamente previsti.