Ondata caldo in Europa: assedio incendi in Francia, Spagna e Portogallo, 500 morti per le alte temperature

Gravi incendi boschivi stanno tenendo impegnati migliaia di Vigili del Fuoco in Spagna, Francia e Portogallo: aumentano le vittime legate all'ondata di caldo

MeteoWeb

Spagna, Portogallo e Francia sono alle prese con gravi incendi boschivi, alcuni dei quali fuori controllo. I roghi coincidono con un'ondata di caldo che sta colpendo diversi Paesi europei e ha causato la morte di 500 persone solo in Spagna e Portogallo. 

Francia 

I forti venti e il clima caldo e secco hanno ostacolo gli sforzi dei Vigili del Fuoco francesi per contenere un enorme incendio che ha divorato le foreste di pini nella regione di Bordeaux per il quinto giorno consecutivo. Mentre il peggior incendio francese si avvicinava alle città abitate, alcune delle 11.000 persone evacuate nella regione hanno descritto paura e incertezza su ciò che avrebbero trovato una volta tornati a casa. Circa 3.000 Vigili del Fuoco, supportati da mezzi aerei, stanno combattendo gli incendi nel sud della Francia, ha detto il Presidente Emmanuel Macron, e la Grecia ha inviato attrezzature antincendio per aiutare.  

I Vigili del Fuoco francesi sono riusciti a contenere uno dei peggiori incendi durante la notte, vicino alla località costiera atlantica di Arcachon, popolare tra i turisti. Ma "condizioni meteorologiche difficili" hanno ostacolato gli sforzi per contenere il più grande incendio della regione, iniziato nella città di Landiras, a sud di una valle di vigneti di Bordeaux, ha riferito il servizio di emergenza regionale. I due incendi hanno bruciato almeno 9.650 ettari negli ultimi giorni. 

Portogallo 

In Portogallo, più di 1.000 Vigili del Fuoco hanno lavorato insieme a cittadini comuni che cercano disperatamente di salvare le loro case dopo una lunga settimana di lotta contro numerosi incendi in tutto il Paese. Gli incendi sono stati alimentati da temperature estreme e condizioni di siccità. La televisione di stato portoghese RTP ha riferito che l'area bruciata quest'anno – più di 30.000 ettari – ha già superato il totale per il 2021. La maggior parte è bruciata nell'ultima settimana. Le fiamme hanno ferito più di 160 persone questa settimana e costretto centinaia di persone ad essere evacuate. 

L'autorità sanitaria portoghese ha confermato di aver registrato 238 morti in eccesso a causa dell'ondata di caldo tra il 7 e il 13 luglio. 

Spagna 

Anche la Spagna sta lottando per contenere diversi incendi, di cui due che hanno bruciato circa 7.400 ettari. Nel sud dell'Andalusia, 3.000 persone sono state evacuate da villaggi in pericolo a causa di un incendio scoppiato nei pressi del villaggio di Mijas, nella provincia di Malaga. Circa 200 Vigili del Fuoco supportati da 18 aerei hanno cercato di contenere l'incendio. Per il sesto giorno, i pompieri hanno anche cercato di tenere sotto controllo un incendio provocato da un fulmine nell'area centro-occidentale di Las Hurdes. Circa 400 persone provenienti da otto villaggi sono state evacuate mentre le fiamme si avvicinavano alle loro case e minacciavano di diffondersi nel vicino Parco Nazionale di Monfrague.  

I decessi dovuti alla temperatura sono aumentati in Spagna questa settimana in mezzo a un'ondata di caldo che ha mantenuto le temperature massime ampiamente sopra i +40°C in molte aree. Secondo l'Istituto spagnolo Carlos III, che registra quotidianamente i decessi legati alla temperatura, 237 decessi sono stati attribuiti alle alte temperature dal 10 al 14 luglio, mentre 25 decessi risalgono alla settimana precedente.  

Turchia 

In Turchia, teatro di devastanti incendi la scorsa estate, i media locali hanno riferito di roghi nella provincia occidentale di Smirne e ad Hatay tra il Mar Mediterraneo e il confine siriano. Elicotteri, aerei e centinaia di Vigili del Fuoco hanno combattuto contro le fiamme. Gli incendi alimentati da forti venti e temperature torride lo scorso anno hanno attraversato le regioni turche del Mediterraneo e dell'Egeo, uccidendo almeno otto persone e provocando aspre critiche al governo per la sua inadeguata preparazione e risposta.