La terribile siccità del 1540 in Europa: provocata da ondata di caldo più estrema del 2003

Uno studio dimostra che l'Europa è stata colpita da una mega-siccità senza precedenti, durata 11 mesi, nel 1540, con temperature più elevate rispetto all'ondata di caldo del 2003

MeteoWeb

L’Italia e parte dell’Europa stanno vivendo un inizio estate con il turbo, con potenti ondate di caldo africano che si susseguono, intervallate solo da brevi tregue. Nel mese di giugno, sono stati battuti moltissimi record di caldo, dall’Italia alla Scandinavia, passando per la Francia. E la Spagna aveva iniziato a stabilire nuovi primati già a maggio! 

Le ondate di caldo del 2003 nell’Europa occidentale e del 2010 in Russia sono comunemente definite come rare anomalie climatiche al di fuori dell’esperienza precedente ma uno studio del 2014 ha rivelato che le temperature sono state probabilmente più alte nella terribile ondata di caldo e siccità che ha colpito l’Europa nel 1540, evidenziando come questo tipo di eventi abbiano sempre fatto parte della storia climatica del nostro Pianeta.

Sulla base di prove documentali diffuse in Europa riguardanti il meteo nel 1540, lo studio ha analizzato la siccità che ha colpito l’Europa quell’anno, dimostrando che è stata “probabilmente più estrema di eventi simili nel periodo strumentale”. “La siccità meteorologica è stata più persistente (11 mesi), portando a una deviazione annuale cumulativa del numero di giorni di precipitazione a circa 90-95 giorni rispetto alla media dell’Europa occidentale e centrale del XX secolo. La siccità idrologica è stata altrettanto estrema, con un deficit di portata stimato in circa il 90% per i fiumi Reno ed Elba e il completo prosciugamento dei corsi d’acqua più piccoli”, riporta lo studio. 

La dimensione da record della mega-siccità corrobora anche il precedente risultato di Wetter e Pfister (2013) secondo cui l’ondata di caldo, rispettivamente le temperature primavera-estate nel 1540, è stata probabilmente più estrema rispetto al 2003. Data la grande estensione spaziale, la lunga durata e l’intensità del caldo e della siccità del 1540, il ritorno di un tale evento nel corso dell’intensificarsi del riscaldamento globale comporta perdite enormi”, hanno scritto gli autori dello studio. 

Siccità meteorologica 

Studi precedenti hanno dimostrato che le ondate di caldo e siccità estive della fine del XX secolo nell’Europa occidentale erano spesso precedute da deficit delle precipitazioni invernali e primaverili nell’Europa meridionale. Questo tipo di modello di propagazione sembra prevalere anche nel caso della siccità del 1540. Secondo i cronisti dell’Italia settentrionale, l’inverno era “come a luglio”, senza pioggia dal novembre 1539 a metà aprile 1540. Allo stesso modo, rogazioni per la pioggia si tennero in Spagna nell’ottobre 1539 e nel marzo 1540. Da una ricostruzione della temperatura dell’Europa centrale basata su dati documentari si conclude che la siccità del 1540 è stata il culmine di una tendenza al riscaldamento estivo durata un decennio. La distribuzione spaziale delle registrazioni di siccità e precipitazioni suggerisce che il 1540 fu dominato da una situazione di alta pressione quasi persistente sull’Europa occidentale e centrale, circondata da sistemi di bassa pressione sull’Atlantico e sulla Russia occidentale. Secondo questa situazione meteorologica, un’ondata di freddo e pioggia multistagionale avrebbe dovuto prevalere nella regione a est dell’anticiclone. Infatti, la famosa cronaca di Novgorod (Russia occidentale) riporta che “la primavera era fredda e durante tutta l’estate c’erano inondazioni, e la segale non cresceva ed era congelata in primavera, e tutti i prati sulle rive dei fiumi e dei laghi erano allagati””, si legge nello studio. 

In analogia al 2003, la Svizzera era probabilmente al centro dell’anomalia nel 1540. Hans Stolz, viticoltore e sindaco della cittadina di Guebwiller nella vicina Alsazia, ha descritto nella sua cronaca che “Febbraio era caldo e asciutto e … ha piovuto solo durante i primi tre giorni di marzo ma non ha mai nevicato o piovuto ad aprile. Maggio è stato soleggiato e asciutto per tutto il mese. Anche giugno è stato secco, ma alla fine ha piovuto ripetutamente, ma non molto. Luglio è stato torrido e terribile fino alla fine”. Fridolin Ryff a Basilea (Svizzera) ha contato tre piogge “brevi e deboli” tra l'”inizio dell’estate” e il giorno di San Martino (21 novembre), ciascuna della durata di non più di due o tre giorni. Heinrich Bullinger a Zurigo ha insistito sul fatto che non ha mai piovuto per un giorno intero o un’intera notte tra febbraio e il 29 settembre”, riporta lo studio, secondo il quale le “temperature di agosto e settembre erano probabilmente allo stesso livello del 2003”. “Report narrativi coerenti di cronisti contemporanei indipendenti indicano che, a differenza del 2003, il clima nei mesi successivi (ottobre-dicembre) è stato soleggiato e caldo “come ad aprile” fino alla fine dell’anno, senza gelate o nevicate”, si legge ancora nello studio. 

Siccità idrologica 

“I report dei cronisti sul livello estremamente basso dei principali corpi idrici confermano i deficit di precipitazioni da record valutati per l’Europa occidentale e centrale. Il lago di Costanza, il secondo lago più grande dell’Europa occidentale, scese a un livello così basso nell’agosto del 1540 che il fondo del lago emergeva vicino alla superficie e l’isola di Lindau era collegata alla costa tanto che le persone potevano girarci intorno. Questa fase è vicina al livello più basso registrato negli inverni più secchi dal 1550. I cronisti hanno descritto i bassi livelli delle acque dei fiumi in tutta l’Europa occidentale e centrale. I principali fiumi, come il Reno, l’Elba e la Senna, potevano essere attraversati in alcuni punti. Diversi cronisti riferiscono che ruscelli e pozzi nel 1540 si seccarono dalla tarda primavera. Hans Salat riferisce che nella regione dell’altopiano svizzero ciò accadde a luglio, il che suggerisce un calo sostanziale dei livelli delle acque sotterranee. A differenza del 2003, nell’estate del 1540 non si osservarono temporali”, continua lo studio. 

Siccità agricola e inaridimento del suolo 

Le osservazioni visive dell’inaridimento estremo del suolo e della fessurazione del suolo confermano l’ipotesi di un deficit di umidità del suolo da record nel 1540. Alcune fessure erano così larghe che le persone potevano metterci i piedi dentro. La gravità della siccità agricola nel 1540 può essere valutata dai numerosi report che descrivono gravi carenze di mangime e acqua per il bestiame e orti secchi. Inoltre, alberi e viti hanno sofferto di stress da siccità. Pierre de Teysseulh, capitolare della chiesa di Limoges (Francia centrale), osserva che “l’uva era come arrostita e le foglie delle viti erano cadute a terra come dopo un forte gelo”. Secondo il cronista Sebastian Fischer di Ulm (Germania meridionale), le foglie degli alberi sono appassite [al culmine della peggiore ondata di caldo] all’inizio di agosto e sono cadute a terra “come se fosse stato nel tardo autunno”. Gli effetti della siccità potrebbero quindi essere probabilmente la ragione per cui gli anelli degli alberi della Lötschental (Canton Vallese in Svizzera) non segnalano il caldo record del 1540”, si legge nello studio. 

Siccità socioeconomica 

“In particolare, soffrirono l’allevamento del bestiame, la produzione di energia idrica (mulini ad acqua) e il trasporto sull’acqua. Innumerevoli animali domestici morirono di sete, fame o colpi di calore. I raccolti di grano e uva, essendo entrambi raccolti resistenti al caldo e alla siccità, erano abbondanti, ma il crollo dell’energia idrica per i mulini portò a prezzi alle stelle per farina e pane. La navigazione divenne difficile o impossibile anche sui grandi fiumi. L’eccezionale persistenza e gravità del caldo e della siccità è ulteriormente documentata da un’esplosione di incendi devastanti in tutto il continente che è unica negli ultimi 500 anni. Allo stesso modo, gli incendi nelle città in Germania furono più frequenti nel 1540 che in qualsiasi altro anno in tempo di pace dal 1000 d.C.. In Portogallo, durante il picco dell’ondata di caldo del 2003, quando sono scoppiati incendi boschivi su larga scala, sono state misurate temperature superiori a +40°C. Temperature elevate simili si verificarono probabilmente durante l’ondata di caldo nel 1540. Il continente fu inondato dagli aerosol degli incendi boschivi. I cronisti Salat a Lucerna e Biem a Cracovia notarono che il cielo era pieno di fumo al punto che il sole e la Luna, che apparivano rossastri al loro sorgere e tramontare, erano pallidi”, continua lo studio. 

Per quanto riguarda la vulnerabilità delle società odierne a mega siccità estreme come quella del 1540, il caso dell’estate 2003, sebbene sia stato probabilmente piuttosto moderato in confronto, può fornire alcuni indizi sulla vulnerabilità socioeconomica. Oltre alla morte di circa 70.000 persone, per lo più anziane, in Europa durante il picco dell’ondata di caldo, il settore dei seminativi dell’UE ha registrato un calo complessivo della produzione di oltre il 10%, causando una perdita finanziaria di circa 13,1 miliardi di euro. Molte centrali hanno dovuto ridurre la loro capacità di produzione, alcune fino al 60%, a causa di livelli d’acqua troppo bassi e di acqua di raffreddamento troppo calda”, specificano gli autori dello studio. 

Sulla base di oltre 300 fonti di bollettini meteorologici provenienti da un’area compresa tra 2 e 3 milioni di chilometri quadrati, dimostriamo che l’Europa è stata colpita da una mega-siccità senza precedenti, durata 11 mesi. Il numero stimato di giorni di precipitazione e la quantità di precipitazione per l’Europa centrale e occidentale nel 1540 è significativamente inferiore ai minimi di 100 anni del periodo di misurazione strumentale per la primavera, l’estate e l’autunno”, concludono gli autori dello studio.