Paleontologia: i mammiferi sono diventati a sangue caldo grazie all’instabilità climatica

Sarebbe stata l'instabilità climatica a permettere ai mammiferi di diventare animali a sangue caldo nel tardo Triassico, permettendo loro di essere più veloci e dinamici

MeteoWeb

Il sangue caldo nei mammiferi potrebbe aver avuto origine nel tardo Triassico, ovvero all’incirca 233 milioni di anni fa, secondo quanto suggerito da uno studio pubblicato su Nature questa settimana. I risultati, basati sulle orecchie interne fossilizzate degli antenati dei mammiferi, migliorano la nostra comprensione della storia evolutiva dei mammiferi.

Il sangue caldo, o endotermia, è una caratteristica fondamentale di mammiferi e uccelli e consente loro di vivere in diversi contesti ambientali mantenendo una temperatura corporea interna quasi costante. Gli endotermi sono più attivi dal punto di vista comportamentale e possono viaggiare più lontano e muoversi più velocemente degli ectotermi a sangue freddo, che sono generalmente più lenti, meno attivi e hanno una ridotta capacità aerobica. Tuttavia, capire quando l'endotermia è emersa per la prima volta nella storia evolutiva dei mammiferi rimane difficile, poiché la maggior parte delle prove fossili è ambigua.

 

 

Esaminare la struttura dei dotti semicircolari delle orecchie interne degli antenati dei mammiferi potrebbe aiutarci a indagare quando si è verificata questa transizione endotermica, suggeriscono Ricardo Araújo, Romain David, Kenneth Angielczyk e colleghi. Questi condotti uditivi contengono un fluido chiamato endolinfa, la cui viscosità cambia a seconda della temperatura dell'animale.

 

 

Gli autori hanno esaminato i cambiamenti strutturali dei canali semicircolari di un gruppo di 56 specie estinte, da cui sono emersi mammiferi, e hanno trovato cambiamenti associati all'endotermia, come dotti più stretti. Hanno scoperto che la struttura dei canali si è evoluta bruscamente durante il tardo Triassico negli antenati dei mammiferi durante un periodo di instabilità climatica, suggerendo che l'endotermia si è evoluta in questo periodo di tempo. Questi risultati erano correlati con un aumento della temperatura corporea compreso tra 5 e 9°C e un'espansione delle capacità aerobiche e anaerobiche.