Previsioni Meteo: luglio inizia col caldo africano, poi arriva la “rinfrescata”

Previsioni Meteo: conferme sul cambio di circolazione con l'avvento di luglio, anche con temporali più estesi, ma non subito. Le ultimissime sul più lungo periodo

MeteoWeb

E’ terminato il mese di giugno più “infuocato” per l’Italia, probabilmente da quando esistono le osservazioni meteorologiche, e le mappe bariche a più stretto giro, sostanzialmente per la prima settimana di luglio, non lasciano sperare in un granché di cambiamento. Il Mediterraneo centrale e l’Italia continuerebbero a essere dominati dall’alta pressione subtropicale con tanto sole e caldo persistenti, anzi ancora super-caldo torrido su molte aree​. I picchi maggiori di temperatura potrebbero essere toccati il giorno 2 e poi tra il 4 e il 6 luglio, quando le massime potrebbero diffusamente porsi tra +36 e +38°C sulle pianure, soprattutto centro meridionali, ma ancora punte di +40/+41°C e fino a valori estremi di +42/+43°C tra il Sud e la Sicilia. Ma potrebbe essere questa l’ultima fiammata​ nord-africana.

Per il corso della seconda settimana di luglio, infatti, continua a essere confermata una significativa svolta nella circolazione a scala euro-atlantica. I modelli confermano ancora una possibile migrazione più a Ovest dei massimi anticiclonici, con défaillance barica in corrispondenza dei meridiani centrali europei e anche mediterranei e incursioni, lungo il fianco orientale anticiclonico, di correnti più fresche provenienti dal Nord Europa. In queste dinamiche le aree italiane più esposte all’azione più fresca e instabile sarebbero soprattutto quelle centro-meridionali. Occasioni per instabilità irregolare potrebbero aversi un po’ su tutto il territorio, ma sarebbero le regioni del medio basso adriatico e quelle relative appenniniche, dalla Romagna fino alla Calabria, a essere esposte per alcuni giorni, soprattutto tra il 7/8 e il 12/13 del mese, a un maggior rischio rovesci o temporali, sebbene non tutti i giorni. Da computare, però, instabilità diffusamente presente al Nord, nelle fasi appena precedenti l’azione più fresca. Le medesime aree adriatiche, relative appenniniche e meridionali, potrebbero vedere anche un calo termico più apprezzabile, fino a 4/5°C sotto le medie tipiche del periodo. La nostra redazione continuerà a monitorare il possibile cambio più significativo della circolazione per il corso della seconda settimana di luglio, apportando continui aggiornamenti nelle rubriche sul medio-lungo periodo.