Blackout, aurore, attività geomagnetica: così l’uomo ha creato la prima tempesta solare artificiale

Il 9 luglio 1962 l'esercito americano ha effettuato un test chiamato "Starfish Prime": quello che è successo dopo ha sorpreso tutti

MeteoWeb

Sessant’anni fa, una delle più grandi tempeste geomagnetiche dell’era spaziale ha colpito la Terra, e l’origine non è stata il Sole. “L’abbiamo creata da soli,” ha affermato Clive Dyer dell’Università del Surrey Space Center a Guildford, nel Regno Unito. “È stato il primo evento meteorologico spaziale antropogenico“.

Il 9 luglio 1962, l’esercito americano ha fatto esplodere una testata termonucleare a 250 miglia sopra l’Oceano Pacifico, un test chiamato “Starfish Prime“. Quello che è successo dopo ha sorpreso tutti. Testimoni dalle Hawaii alla Nuova Zelanda hanno riferito di aurore nei cieli, magnifiche “strisce arcobaleno” notturne che gli skywatcher tropicali non avevano mai visto prima. Le radio hanno smesso di funzionale, poi improvvisamente si sono attivate quando i lampioni si sono spenti a Honolulu.

In sostanza, Starfish Prime ha creato una tempesta solare artificiale con tanto di aurore, attività geomagnetica e blackout. Gran parte del caos di quella notte è stato causato dall’impulso elettromagnetico (EMP), una feroce esplosione di radiazioni che ha ionizzato l’atmosfera superiore. L’aria ionizzata sul Pacifico ha bloccato il campo magnetico terrestre, poi lo ha lasciato andare di nuovo quando la ionizzazione si è attenuata. Il rimbalzo ha creato una tempesta geomagnetica artificiale per centinaia di miglia intorno alla zona dell’esplosione, riporta SpaceWeather.com.

L’esplosione ha portato alla scomparsa prematura di tutti i veicoli spaziali in orbita in quel momento,” ha ricordato Dyer. “Questi includevano Ariel-1, la prima navicella spaziale del Regno Unito, e Telstar-1, un satellite per comunicazioni statunitense che ha avuto la sfortuna di essere lanciato il giorno successivo“.

Normalmente, le tempeste geomagnetiche distruggono i satelliti tramite il decadimento orbitale: l’atmosfera superiore si riscalda e si espande al punto da poter trascinare i satelliti verso la Terra. Starfish Prime è stato diverso. “L’esplosione ha riempito la magnetosfera terrestre di elettroni energetici, aggiungendoli alle cinture di radiazioni naturali del nostro pianeta,” ha proseguito Dyer. Questi elettroni artificiali colpiscono duramente i satelliti, degradandone l’elettronica e i pannelli solari.

starfish
Credit: R.E. Fischell, “ANNA-1B Solar Cell Damage Experiment”

Ariel-1 è diventato quasi inutilizzabile dopo soli 4 giorni a causa del calo di potenza e del guasto del registratore,” ha ricordato Dyer. “Il satellite Telstar è durato fino al novembre 1962, quando il suo decoder di comando si è guastato“.

Il flusso di elettroni energetici intrappolati nella magnetosfera terrestre è rimasto alto a lungo, martellando i satelliti negli anni ’60.

Dyer, che è ampiamente noto per i suoi studi sul meteo spaziale estremo, era ancora a scuola quando si è verificata l’esplosione: ha posto le basi per tutta la sua carriera. “Starfish Prime – ha affermato – è stato un evento cruciale“.