Il ritorno del coccodrillo d’acqua salata, un successo della conservazione in Australia

Fiumi e corsi d'acqua in tutto il nord dell'Australia si sono riempiti di migliaia di piccoli coccodrilli negli ultimi sei mesi

MeteoWeb

Ottime notizie per una specie che è stata quasi eliminata dalla caccia in Australia durante il XX secolo. Il ritorno del coccodrillo d'acqua salata dai livelli di quasi estinzione di 40-50 anni fa è una delle grandi storie di successo della conservazione dell'Australia e del mondo. 

Solo nei corsi d'acqua del Territorio del Nord si pensa che ci siano circa 100.000 coccodrilli giovani e adulti, circa 10.000 dei quali si trovano nel Parco Nazionale Kakadu, dichiarato Patrimonio dell'Umanità. I ranger ritengono che la specie, che è stata protetta in tutta l'Australia all'inizio degli anni '70, sia ora tornata quasi ai livelli pre-colonizzazione nel parco. 

Il coccodrillo d'acqua salata, la più grande specie di rettili al mondo, si trova nelle zone costiere e nei fiumi d'acqua dolce dall'Australia settentrionale all'India orientale e in tutto il Sud-Est asiatico. Ma è noto che i grandi adulti – lunghi fino a 7 metri – nuotano per migliaia di chilometri attraverso l'oceano. 

Piccoli vulnerabili 

I piccoli e i giovani coccodrilli d'acqua salata si nutrono di insetti, crostacei, piccoli rettili, rane e piccoli pesci. Si schiudono da uova dal guscio duro, leggermente più grandi delle uova di gallina, deposte principalmente tra novembre e maggio in cumuli costruiti dalle femmine da fango e vegetazione accanto a fiumi e altri specchi d'acqua dolce.  

Questi nidi sono sorvegliati da vicino dalle madri coccodrillo e servono più di 75 giorni prima che le uova si schiudano. Sebbene siano in grado di nuotare, cacciare e fare quasi tutto ciò che i loro genitori possono fare subito dopo la nascita, anche i piccoli sono sorvegliati da vicino. Le madri coccodrillo vegliano da vicino su di loro per i primi mesi per assicurarsi che non vengano mangiati, spesso portandoli in bocca subito dopo la schiusa. 

Una volta che i coccodrilli raggiungono circa 2,5 metri di lunghezza a circa 12-13 anni, sono in grado di resistere agli attacchi di quasi tutti gli altri animali. Ma prima di questa fase, i coccodrilli d’acqua salata sono altamente vulnerabili e vengono presi da barramundi, coccodrilli d'acqua dolce adulti, tartarughe, pitoni acquatici e coccodrilli d'acqua salata adulti. È un'esistenza precaria.  

In ogni nido vengono deposte circa 50 uova, un quarto delle quali non si schiude mai e poco più della metà supera un anno. Alla fine solo l'1% arriva all'età adulta. Come molti rettili, il sesso del coccodrillo è determinato dalla temperatura che sperimentano mentre le uova sono nel nido. A 28–30°C tutti i piccoli in un nido saranno femmine. Un grado più caldo – 31°C – e metà saranno maschi, metà femmine. A 32°C, tutti i piccoli sono maschi e ad una temperatura leggermente più alta ci saranno più femmine.