Scoperte “incredibilmente rare” in Belgio: trovati scheletri dalla battaglia di Waterloo | FOTO

Gli archeologi hanno trovato resti di umani e cavalli negli scavi: "non ci avvicineremo più di così alla dura realtà di Waterloo"

  • Credit: Chris van Houts / Waterloo Uncovered
    Credit: Chris van Houts / Waterloo Uncovered
  • Credit: Chris van Houts / Waterloo Uncovered
    Credit: Chris van Houts / Waterloo Uncovered
  • Credit: Chris van Houts / Waterloo Uncovered
    Credit: Chris van Houts / Waterloo Uncovered
  • Credit: Chris van Houts / Waterloo Uncovered
    Credit: Chris van Houts / Waterloo Uncovered
  • Credit: Chris van Houts / Waterloo Uncovered
    Credit: Chris van Houts / Waterloo Uncovered
/
MeteoWeb

Gli archeologi hanno portato alla luce in Belgio scheletri di soldati morti nella battaglia di Waterloo nel 1815. Gli esperti affermano che le scoperte sono “incredibilmente rare” su un campo di battaglia napoleonico.

Le squadre hanno trovato resti di umani e cavalli negli scavi, ripresi quest’anno per la prima volta dal 2019. I resti di tre arti amputati sono stati scoperti nella fattoria di Mont-Saint-Jean, che durante la battaglia fu sede del principale ospedale da campo del duca di Wellington. “Non ci avvicineremo più di così alla dura realtà di Waterloo“, ha affermato uno dei direttori del progetto.

Il Professor Tony Pollard, direttore del Center for Battlefield Archaeology dell’Università di Glasgow e direttore archeologico dell’organizzazione benefica Waterloo Uncovered, è stato strettamente coinvolto negli scavi. “Sono un archeologo sul campo di battaglia da 20 anni e non ho mai visto niente di simile“, ha aggiunto.

La battaglia di Waterloo, combattuta il 18 giugno 1815, segnò la fine delle guerre napoleoniche. Un esercito francese al comando di Napoleone fu sconfitto dalle forze a guida britannica, guidate dal duca di Wellington, alleato con un esercito prussiano guidato dal feldmaresciallo von Blücher. Gli storici descrivono la battaglia come un epico punto di svolta nella storia europea che pose fine all’ambizione di Napoleone di governare gran parte dell’Europa. La battaglia ha anche rimodellato le relazioni della Gran Bretagna con il continente.

Decine di migliaia di persone sono morte nei combattimenti, ma sono stati trovati pochi resti. Secondo i resoconti contemporanei, un gran numero di ossa veniva raccolto, macinato e utilizzato come fertilizzante nelle fattorie.