“La scoperta dell’America avvenne un anno prima, nel 1491”: lo rivela una nuova ricostruzione

Il giornalista e storico italiano Ruggero Marino ha individuato nuove prove a sostegno della tesi che la scoperta dell'America non sarebbe avvenuta nel 1492

MeteoWeb

Lo sappiamo e lo ripetiamo da quando frequentavamo le elementari: Cristoforo Colombo scoprì l’America nel 1492. Una certezza. Come l’Unità d’Italia o lo sbarco sulla Luna. E invece no. A quanto pare, qualcuno ha sbagliato con i calcoli e la scoperta del nuovo continente andrebbe anticipata di almeno un anno rispetto alla tradizionale data del 12 ottobre 1492. Con ogni probabilità Colombo sbarcò nel Nuovo Mondo nel 1491, se non prima, ovvero quando ancora regnava papa Innocenzo VIII.

E’ questa l’ipotesi avanzata in seguito ad nuova ricostruzione portata a termine dal giornalista, scrittore e storico Ruggero Marino che da oltre trent’anni si dedica agli studi sul navigatore genovese, e sul quale ha pubblicato ben quattro libri, oltre ad avervi dedicato il suo sito web www.ruggeromarino-cristoforocolombo.com. L’ipotesa è stata ribadita in occasione della presentazione del nuovo libro di Marino, “Dante, Colombo e la fine del mondo” (Xpublishing) che si terrà domani, lunedì 11 luglio, alle ore 18, a Roma, a Palazzo Firenze, sede della Dante Alighieri. Con l’autore intervengono Gianni Letta, vicepresidente della Società Dante Alighieri, e Claudio Strinati, segretario generale dell’Accademia Nazionale di San Luca e vicepresidente del Comitato di Roma della Società Dante Alighieri, e Michele Canonica.

Ruggero Marino, sulla base di una plurima documentazione, sostiene che la spedizione di Cristoforo Colombo fu finanziata in gran parte da papa Innocenzo VIII e non come in genere si ritiene da Isabella di Castiglia. “Possiamo considerare Innocenzo VIII come il grande sponsor di Colombo“, sostiene Marino. Il navigatore genovese avrebbe portato a termine la sua impresa in tempi precedenti, scoprendo il nuovo continente durante il pontificato innocenziano e non quindi sotto il famigerato Rodrigo Borgia, salito al soglio pontificio con il nome di Alessandro VI l’11 agosto 1492. La retrodatazione di almeno un anno (se non di più) della scoperta al 1491 per Ruggero Marino si basa anche sulla testimonianza dello “PseudoPetraca“, dal titolo “Chronica delle vite de pontefici et imperatori romani“, un raro incunabolo stampato a Venezia nel 1507, “cioè quasi ridosso degli avvenimenti e ad un anno dalla morte di Colombo”: qui si parla esplicitamente dello sbarco del navigatore genovese nelle ‘Nuove Indie’ durante il regno di Innocenzo VIII mentre è completamente ignorato in quello di papa Borgia.

Un dato, peraltro, sostiene Marino, suffragato dalla lapide sulla tomba del pontefice in San Pietro che dice “Novi orbis suo aevo inventi gloria” (“Nel tempo del suo pontificato la gloria della scoperta del Nuovo Mondo“), dal Panvinio, da Oviedo, dal Guicciardini, dalla famosa carta di Piri Reis e da altri storici come il Sansovino e il Cancellieri. Per di più nel contratto stipulato con i re si afferma che Colombo, prima della partenza del 3 agosto, va alle Indie “che ha scoperto“, un tempo riferito al passato e a un viaggio verosimilmente già avvenuto, ma cancellato dalla storia, osserva Ruggero Marino.