Siccità negli USA: Great Salt Lake ai minimi storici, rischio arsenico nell’aria

L'aumento della superficie scoperta dei fondali potrebbe spargere  polvere avvelenata dall'arsenico nell'aria che respirano milioni di persone

MeteoWeb

Anche gli Usa sono attanagliati a causa della siccità, che sta affliggendo soprattutto  il West. Il Great Salt Lake, in Utah, il lago più grande a ovest del Mississippi, ha raggiunto per la seconda volta in meno di un anno un nuovo livello minimo record: nel weekend le sue acque sono scese a 4190 piedi, ossia a 1,277 metri. Un livello più basso di quello dello scorso ottobre, quando il lago aveva già raggiunto il record negativo di 170 anni fa. Si prevede che i livelli delle acque continuino a scendere sino all’autunno o all’inverno, secondo il dipartimento statale delle risorse naturali. Il fenomeno mette a rischio milioni di uccelli migratori e minaccia l’economia del lago, che ha un valore stimato di 1,3 miliardi di dollari legato all’estrazione di minerali, alla pesca dei gamberetti e alle attività ricreative. La siccità in questione causa anche pericoli anche per la salute: la crescente superficie scoperta dei fondali potrebbe spargere la polvere avvelenata dall’arsenico nell’aria che respirano milioni di persone, secondo gli scienziati.