Vento e siccità in Trentino: incendio divampa a Nago, in azione 2 elicotteri e un Canadair

L'incendio, sviluppatosi domenica, è alimentato da vento e siccità

MeteoWeb

Proseguono le operazioni di spegnimento dell'incendio divampato nei boschi sopra l'abitato di Nago, in Trentino. Questa mattina, assieme ai due elicotteri della protezione civile del Trentino, è entrato in azione anche un Canadair, che si rifornisce di acqua direttamente dal lago di Garda. Sul posto tutte le squadre dei vigili del fuoco volontari dell'Alto Garda (circa un centinaio di uomini), assieme al personale del Corpo forestale e della Protezione civile della Provincia di Trento.

Attualmente è in vigore un'ordinanza firmata dal sindaco del Comune di Nago Torbole, Gianni Morandi, che impedisce l'accesso alla strada che conduce sul Monte Baldo, al sentiero 601 e alle falesie per l'arrampicata presenti nella zona. Evacuate 20 persone dalle baite. Sotto stretto controllo anche la centrale del metano. La Guardia costiera ha bloccato tutti gli sport d'acqua. Le indagini sono affidate al Corpo forestale.