Parco di Yosemite in pericolo per incendi in California: a rischio sequoie giganti

L'incendio di vaste proporzioni divampato in California costringe alla chiusura parziale del parco nazionale di Yosemite: il fuoco di Washburn sta bruciando vicino alla parte meridionale del parco, Mariposa Grove, che ospita oltre 500 sequoie giganti mature

MeteoWeb

Il parco nazionale di Yosemite è stato parzialmente chiuso mentre i vigili del fuoco cercano di contenere un incendio che ora si estende su più di 60 acri. Il fuoco di Washburn sta bruciando vicino alla parte meridionale del parco, Mariposa Grove, che ospita oltre 500 sequoie giganti mature nel parco, hanno detto i funzionari. “Il Mariposa Grove è chiuso fino a nuovo avviso“, si legge in un post dalla pagina Facebook del parco. “Tutte le altre aree del parco nazionale di Yosemite sono aperte”. Il parco in California non chiudeva in estate dal 1988.

Gli scienziati concordano sul fatto che il cambiamento climatico sia una delle minacce più significative che i parchi nazionali devono affrontare. Uno studio del 2018 ha rilevato che i parchi nazionali si stanno riscaldando a una velocità doppia rispetto ad altre aree del paese e subiscono danni sproporzionati dal riscaldamento globale. “Ognuno dei nostri parchi nazionali soffre degli effetti del cambiamento climatico, da incendi e siccità da record all’innalzamento del livello del mare e alla distruzione delle risorse culturali”, ha scritto Stephanie Kodish, direttrice del programma sul cambiamento climatico presso il National Parks Conservation Association, in un post sul blog di giugno.

I recenti eventi a Yosemite arrivano anche dopo che la corte suprema ha limitato la capacità dell’Agenzia per la protezione ambientale di ridurre le emissioni di riscaldamento del pianeta. La sentenza, emessa a giugno, stabiliva che il governo degli Stati Uniti non poteva usare i suoi poteri esistenti per eliminare gradualmente la produzione di energia a carbone senza l’autorizzazione del Congresso. Mette in ginocchio gli sforzi dell’amministrazione Biden per raggiungere la sua promessa di ridurre della metà le emissioni di riscaldamento del pianeta degli Stati Uniti entro la fine del decennio. L’anno scorso, Biden ha affermato che l’obiettivo avrebbe portato gli Stati Uniti sulla strada per emissioni nette zero entro il 2050 e che anche altri paesi avrebbero dovuto aumentare le loro ambizioni. “La decisione della corte suprema è un duro colpo per anni di sforzi per purificare l’aria nei nostri parchi nazionali e proteggere i loro visitatori, la fauna selvatica e l’acqua“, ha affermato Kodish.