Alluvione Stromboli, il giorno dopo il disastro si lavora per liberare strade e case da fango e rocce | FOTO e VIDEO

I Vigili del Fuoco hanno svolto finora 80 interventi per liberare Stromboli dal fango e dai detriti che l'hanno invasa dopo un violento nubifragio

/
MeteoWeb

Dopo una notte di lavoro, proseguono le operazioni dei Vigili del Fuoco a Stromboli dopo il violento nubifragio che si è abbattuto sull’isola, provocando devastanti colate di fango, detriti e rocce, che hanno invaso strade e case, causando un vero e proprio disastro.

I Vigili del Fuoco hanno svolto finora 80 interventi: squadre in azione con cinque escavatori giunti dai comandi di Palermo, Enna e Messina per liberare le strade dal fango (vedi foto della gallery scorrevole in alto e video in fondo all’articolo).

Al lavoro, accanto ai Vigili del Fuoco e ai volontari della Protezione Civile, anche residenti e turisti. La necessità di numerose unità di personale – dice la Protezione Civile – si è resa necessaria a causa dei tanti interventi da portare termine, specialmente all’interno delle abitazioni dove le macchine per il movimento terra arrivate sull’isola non possono operare. Tra le difficoltà riscontrate anche la mancanza di posti letto e il personale volontario e i funzionari non avranno altra scelta che far ritorno sulla “terraferma” a conclusione dei turni di lavoro.

A favorire il disastro, gli effetti dell’enorme incendio del maggio scorso, che ha lasciato i versanti del vulcano privi di vegetazione e quindi incapaci di trattenere acqua. Il terreno instabile ha favorito così colate di fango e rocce che hanno invaso tutto.

Emergenza maltempo anche a Reggio Calabria. Nel capoluogo reggino e nei comuni di Catona, Bagnara Calabra, Fiumara e Scilla sono proseguite le operazioni di messa in sicurezza di alberi e strutture pericolanti: effettuati complessivamente 130 interventi. Squadre ancora al lavoro.

Stromboli irriconoscibile, invasa da fango e detriti | VIDEO

Maltempo Stromboli, Vigili del Fuoco al lavoro per liberare le strade dal fango | VIDEO