Canarie, mortalità ai massimi del XXI secolo: +13% sul 2021

Fino alla settimana 26 di quest'anno, sono stati registrati 9.530 decessi alle Canarie, il più alto aumento di morti dell'intero secolo

MeteoWeb

Il 2022 sta per diventare l’anno più nero nella storia recente delle Isole Canarie. Secondo l’Istituto Nazionale di Statistica (INE), fino al 26 giugno l’Arcipelago ha registrato 9.530 morti, quasi il 13% in più rispetto al 2021, l’incremento più alto della serie storica che inizia nel 2000. Lo riporta “La Provincia”. 

L’ultimo rapporto del monitoraggio quotidiano della mortalità (MoMo) dell’Istituto di salute Carlos III di Madrid riporta 1.342 morti in eccesso per tutte le cause finora nell’arcipelago, la cifra più alta da quando è iniziata la pandemia. I dati dei primi sette mesi dell’anno collocano i decessi registrati nel 2022 ben al di sopra di quelli registrati nei due precedenti anni di pandemia e persino di quelli segnalati dall’inizio del XXI secolo.  

Fino alla settimana 26 di quest’anno (26 giugno), sono stati registrati 9.530 decessi – la maggioranza sopra gli 80 anni – il 12,8% in più rispetto allo stesso periodo del 2021, quando ne sono stati segnalati 8.449. È il più alto aumento di morti dell’intero secolo. Questo numero di decessi è anche superiore al numero medio di decessi negli ultimi cinque anni. Tra il 2017 e il 2021, in questo periodo dell’anno si sono verificati 8.450 decessi.  

I periodi più disastrosi di questo 2022 sono stati due: gennaio e luglio. Secondo le stime dell’ISCIII, a gennaio sono stati registrati 349 decessi al di sopra della media. Durante questo periodo, 278 sono stati segnalati a causa del Covid, quindi la sesta ondata spiegherebbe l’80% di questo aumento di mortalità. A luglio il bilancio è peggiore: ci sono stati 363 morti in eccesso. Di questi, 31 sono direttamente attribuiti ad episodi di alte temperature e circa 140 al Covid. Ciò significa che queste due circostanze spiegherebbero meno della metà dei decessi avvenuti nell’ultimo mese.  

L’aumento dei decessi in estate è una tendenza che si è riprodotta anche nel resto della Penisola. Nell’ultimo mese di luglio, in Spagna ci sono stati 10.749 decessi più del solito. Di questi, 2.223 sono attribuiti alle alte temperature e 1.872 al Covid. 

La confusione su questo picco di incidenza è tale che gli esperti hanno iniziato a studiare in profondità le cause che potrebbero averlo causato. “C’è un grande dilemma e un dibattito aperto su quali cause giustifichino questi numeri”, afferma il direttore generale della Sanità pubblica delle Isole Canarie. “Non c’è stato un anno paragonabile a questo per quanto riguarda l’eccesso di mortalità”, conclude Hicham Achebak, ricercatore dell’Istituto per la salute globale di Barcellona (Isglobal).