Come dimagrire e abbassare la pressione alta con uno snack

Un particolare tipo di frutta secca è un vero e proprio alleato per dimagrire e abbassare la pressione sanguigna

MeteoWeb

In uno studio controllato randomizzato, gli scienziati dell'Università del South Australia e della Texas Tech University hanno esaminato l'effetto del consumo di 35 g di arachidi tostate leggermente salate prima di due pasti principali al giorno come parte di una dieta dimagrante, rispetto a una dieta dimagrante tradizionale a basso contenuto di grassi, sul peso corporeo, sui marcatori del controllo glicemico e sulla pressione sanguigna negli adulti a rischio di diabete di tipo 2.

"Il sovrappeso e l'obesità continuano a essere un problema di importanza globale per la salute pubblica," hanno affermato la prima autrice Kristina Petersen, del Dipartimento di scienze nutrizionali della Texas Tech University, e colleghi. "Il sovrappeso e l'obesità aumentano significativamente il rischio di diabete di tipo 2 e malattie cardiovascolari (CVD). Le strategie dietetiche che aiutano gli adulti con sovrappeso e obesità ad ottenere una perdita di peso prolungata sono fondamentali per la riduzione del rischio di diabete e CVD".

"Prove sostanziali mostrano che la frutta secca è associata a un minor rischio di queste malattie," hanno aggiunto i ricercatori. "I risultati sono supportati da studi randomizzati controllati che mostrano che la frutta secca migliora i fattori di rischio per CVD e i marcatori del controllo glicemico". "Inoltre, la frutta secca determina un alto valore di sazietà e i trial sull'alimentazione umana mostrano che l'assunzione modera l'appetito nel periodo post-pasto. In particolare, è stato dimostrato che la frutta secca, comprese le arachidi, sopprimono la fame e il desiderio di mangiare e aumentano i livelli di sazietà dopo l'assunzione". "Tuttavia, la frutta secca è ricca di energia e spesso esclusa dalle diete dimagranti," hanno spiegato gli esperti. "Le prove fino ad oggi suggeriscono che l'assunzione di frutta secca non promuove l'aumento di peso negli studi mirati al mantenimento del peso. Pochi studi, tuttavia, hanno valutato l'effetto dell'assunzione di frutta secca nel contesto di diete dimagranti a basso contenuto calorico".

Per inciso, le arachidi (o noccioline americane), spesso considerate e consumate come snack sfizioso, sono a tutti gli effetti dei legumi, ma vengono accostate alla frutta secca per aspetto e caratteristiche.

"Lo scopo di questo studio era di valutare l'effetto dell'assunzione di 35 g di arachidi prima di due pasti principali al giorno come parte di una dieta dimagrante ipocalorica, rispetto a una dieta dimagrante tradizionale a basso contenuto di grassi, sul peso corporeo, emoglobina A1c (HbA1c), glucosio a 2 ore e pressione sanguigna negli adulti con sovrappeso o obesità a rischio moderato o alto di diabete di tipo 2 nell'arco di 6 mesi". "È stato ipotizzato che l'inserimento delle arachidi in una dieta dimagrante potrebbe aumentare la perdita di peso e migliorare il controllo glicemico rispetto a una dieta dimagrante tradizionale a basso contenuto di grassi".

Lo studio ha incluso due gruppi di adulti australiani a rischio moderato o alto di diabete di tipo 2. Il gruppo di 57 adulti che ha assunto arachidi ne ha consumati 35 grammi (tostate e leggermente salate) due volte al giorno 30 minuti prima dei pasti. Al gruppo di controllo di 50 adulti è stato chiesto di evitare di mangiare frutta secca o burro di qualunque tipo di frutta secca. Sia il gruppo che ha consumato arachidi che quello di controllo hanno ricevuto indicazioni nutrizionali da un dietista, che ha elaborato una dieta ipocalorica.

Dopo sei mesi, gli autori hanno scoperto che entrambi i gruppi avevano perso una quantità di peso relativamente simile (6,72 kg nel gruppo arricchito delle arachidi e 6,6 kg nel gruppo di controllo), nonostante il gruppo che ha assunto arachidi consumasse 400 calorie in più al giorno per l'aggiunta di un totale di 70 gr di arachidi alla loro dieta.

Nel gruppo che ha consumato arachidi sono state osservate maggiori riduzioni della pressione arteriosa sistolica rispetto al gruppo di controllo. E' stato rilevato un abbassamento della pressione sistolica di 5 mmHg, associato a una riduzione del 10% del rischio di eventi cardiovascolari gravi. Entrambi i gruppi hanno osservato un miglioramento del controllo della glicemia a digiuno e dell'insulina, nonché un miglioramento dell'HbA1c, che è un indicatore del controllo della glicemia a lungo termine.

"Le arachidi leggermente salate sono in realtà un alimento a basso contenuto di sodio, che di solito contiene tra 90-100 mg per porzione," ha spiegato Petersen. "Le arachidi contengono uno dei più alti livelli di arginina, un aminoacido che aiuta a dilatare i vasi sanguigni e ad abbassare la pressione sanguigna". "Sono un'ottima fonte di magnesio, un minerale noto per aiutare a regolare la pressione sanguigna".

L'articolo del team è stato pubblicato su Nutrients.