Mito sfatato: le donne non vivono più degli uomini

Ecco cos'ha scoperto un'analisi statistica della Syddansk Universitet, in Danimarca

MeteoWeb

Un nuovo studio mette in discussione l'opinione diffusa secondo le donne vivono più a lungo degli uomini: secondo un'analisi statistica della Syddansk Universitet, in Danimarca, che copre 200 anni in tutti i continenti del globo, pubblicata su BMJ Open, gli uomini hanno un'alta probabilità – tra il 25% e il 50% – di vivere di più delle donne. I ricercatori hanno evidenziato che a volte grandi differenze nell'aspettativa di vita mascherano una sostanziale sovrapposizione nella durata della vita tra i sessi. Il vantaggio della sopravvivenza femminile è stato osservato nel tempo in molte popolazioni diverse, ma le differenze di sesso nella sopravvivenza sono spesso identificate confrontando l'aspettativa di vita (la durata media della vita) piuttosto che gli anni vissuti, e ciò è stato tradotto nell'assunto secondo cui "gli uomini non vivono quanto le donne".

Per sfatare questo mito, gli studiosi hanno utilizzato un particolare metodo statistico per studiare le differenze di sesso nei decessi in 199 popolazioni di ogni continente in un periodo di 200 anni, misurando la probabilità che una persona di una popolazione con un alto tasso di mortalità sopravviva a qualcuno di una popolazione con un basso tasso di mortalità.

L'analisi dei dati ha mostrato che dal 1850 la probabilità che gli uomini sopravvivano alle donne, in ogni momento e in tutte le popolazioni, variava tra il 25% e il 50%, con solo pochi valori superiori al 50% in diversi Paesi in momenti diversi. In sostanza, i dati hanno evidenziato che tra 1 e 2 (25%-50%) su 4 uomini sono sopravvissuti alle donne negli ultimi 200 anni, sfidando l'opinione diffusa secondo cui gli uomini non vivono quanto le donne, hanno sottolineato gli autori. 

Nei Paesi sviluppati, la probabilità che gli uomini sopravvivano alle donne è diminuita fino agli anni '70, in seguito è aumentata gradualmente in tutte le popolazioni. L'aumento e la diminuzione delle differenze di sesso nell'aspettativa di vita sono stati principalmente attribuiti al fumo e ad altre differenze comportamentali. La probabilità che i gli uomini vivano più a lungo delle donne è generalmente più alta nei Paesi a reddito medio/basso.