In Islanda un’eruzione più grande rispetto all’anno scorso: fessura di 300 metri

Come l'eruzione dell'anno scorso, anche quella in atto è accompagnata da un notevole inquinamento da gas

MeteoWeb

Scorrendo a 20-50 metri cubi al secondo, l'eruzione vulcanica iniziata oggi a Meradalir, nella penisola di Reykjanes, nell’Islanda sudoccidentale, si preannuncia da cinque a dieci volte più produttiva dell'eruzione avvenuta l’anno scorso nello stesso campo di lava, vicino al vulcano Fagradalsfjall.  

L'eruzione sta avvenendo da una fessura lunga 300 metri, che è molto più grande rispetto all'inizio dell'eruzione nel marzo 2021, ma non è una sorpresa per gli scienziati, che avevano previsto un evento più potente. L'inizio di questa eruzione è diverso da quella dello scorso anno che era confinata in un cratere quando è iniziata.  

Il geofisico Freysteinn Sigmundsson ha affermato che l'eruzione è in buon accordo con quanto previsto: "stavamo esaminando l'attività sismica e i movimenti della crosta, e ne è emerso un certo modello. Questo è abbastanza coerente". L'esperto afferma che sia la posizione che la potenza sono in linea con i modelli e ciò che ci si aspettava; era prevista più potenza dell'ultima volta e si sta avverando. "Lo stiamo vedendo, c'è più energia qui e c'è più magma in arrivo". 

Il Servizio meteorologico nazionale sottolinea che, come l'eruzione dell'anno scorso, anche questa è accompagnata da un notevole inquinamento da gas. Si prevede che nessuna città o villaggio si troverà sulla via dell'inquinamento vulcanico nel prossimo futuro. Come per l'eruzione dell'anno scorso, finora c'è poca o nessuna produzione di cenere e i voli dal vicino aeroporto internazionale di Keflavík stanno funzionando come previsto. L'eruzione è considerata in una buona posizione, lontano dalle case e dalle industrie. 

L'Ufficio meteorologico islandese ha esortato le persone a non avvicinarsi al vulcano Fagradalsfjall, che si trova circa 32 chilometri a sud-ovest della capitale, Reykjavik. Il capo della Protezione Civile della Polizia di stato Víðir Reynisson ha sottolineato che è pericoloso camminare sulla lava dell'anno scorso come scorciatoia per visitare il nuovo vulcano. L'area è stata chiusa al traffico questo pomeriggio, anche se nell'area sono stati registrati segnali di 7.000-8.000 cellulari. 

L'eruzione del 2021 nella stessa area ha prodotto per diversi mesi spettacolari fontane e colate di lava. L'Islanda, situata sopra un hotspot vulcanico nel Nord Atlantico, ha in media un'eruzione ogni quattro o cinque anni. La più distruttiva degli ultimi tempi è stata l'eruzione del 2010 del vulcano Eyjafjallajokull, che ha prodotto nubi di cenere e polvere nell'atmosfera, interrompendo i viaggi aerei per giorni tra l'Europa e il Nord America. Più di 100.000 voli sono stati cancellati, bloccando milioni di passeggeri.