L’Islanda si prepara: “sostanziale probabilità di un’eruzione nei prossimi giorni”

Si ritiene che ci sia una possibilità significativa di un'eruzione vulcanica nei prossimi giorni o settimane in Islanda nell'area del vulcano Fagradalsfjall: l'eruzione potrebbe essere più potente di quella dell'anno scorso

MeteoWeb

In Islanda potrebbe presto avvenire una nuova eruzione vulcanica nella stessa zona di quella dello scorso anno. “I risultati preliminari della modellazione della deformazione suggeriscono che la profondità superiore della nuova intrusione del dicco sotto Fagradalsfjall è molto bassa, circa 1km. La velocità di afflusso di magma è rapida, quasi doppia rispetto a quella osservata durante la prima intrusione nel febbraio-marzo 2021. Vi sono indicazioni che la deformazione e la sismicità siano in calo e questo è stato precursore dell'eruzione iniziata il 19 marzo 2021. Considerando quanto sopra, la probabilità di un'eruzione a Fagradalsfjall nei prossimi giorni è considerata sostanziale”. Lo afferma il Met Office islandese riguardo l’attività che negli ultimi giorni interessa la penisola di Reykjanes, nell’Islanda sudoccidentale. 

L'immagine del satellite Sentinel-1 (in alto) mostra “una nuova intrusione del dicco sulla penisola di Reykjanes e la deformazione associata al terremoto di magnitudo 5.4 del 31 luglio 2022. Le frange colorate mostrano la deformazione del suolo nella linea di vista del satellite, correlata alla nuova intrusione sotto Fagradalsfjall iniziata il 30 luglio 2022. L'interferogramma mostra circa 16cm di spostamento verso nord-ovest correlato all'intrusione”, spiega ancora il Met Office islandese. 

Si ritiene, dunque, che ci sia una possibilità significativa di un'eruzione nei prossimi giorni o settimane. In caso di eruzione nell'area tra Fagradalsfjall e Keilis, è probabile che sia più potente dell'eruzione dell'anno scorso, secondo gli scienziati. La Protezione Civile è in allerta. "C'è un tasso di afflusso più elevato. Ciò corrisponde a circa 50 milioni di metri cubi. Sta fluendo nella crosta terrestre e, poiché il flusso è maggiore, questa eruzione potrebbe essere più potente", afferma il geofisico Freysteinn Sigmundsson.  

L'esperto crede che l’eruzione potrebbe avvenire nei prossimi giorni, piuttosto che nelle prossime settimane. La maggior parte delle evidenze indica che il magma potrebbe emergere da qualche parte tra Fagradalsfjall e Keilis. La lava potrebbe quindi fluire a nord verso Reykjanesbraut, ma la natura dell'eruzione sarebbe probabilmente simile all'ultima volta, tranne per il flusso di lava che potrebbe essere maggiore.