Alluvioni lampo in Trentino Alto Adige: frane, smottamenti e allagamenti in molte zone | FOTO e VIDEO

Alluvioni lampo devastano ampie zone del Trentino Alto Adige: disastro tra colate di fango, frane e allagamenti

MeteoWeb

Violenti temporali si stanno abbattendo su diverse zone dell'Alto Adige, provocando locali colate di fangosmottamenti. Nelle zone colpite, i Vigili del Fuoco hanno effettuato già numerosi interventi. In particolare, in Val Anterselva il rio si è talmente ingrossato da creare uno smottamento, imponendo la chiusura del passo Stalle tra Italia e Austria attraverso la valle. Un temporale autorigenerante ha scaricato finora 88mm di pioggia a San Martino in Badia. Segnaliamo anche 26mm di pioggia a Riva di Tures, 24mm a Monguelfo, 20mm a Predoi. 

Numerosi gli interventi dei Vigili del Fuoco in Val Pusteria ed Alta Val d'Isarco. In Val di Fleres è esondato il torrente Korbbach. Il materiale trasportato dal torrente ha coinvolto sei case ed una stalla. La località di Sorafurcia/Geiselsberg è rimasta isolata: non è raggiungibile né da Valdaora né dalla Val Badia a causa di una serie di frane, una delle quali ha coinvolto alcune auto. Per fortuna gli occupanti delle auto, in parte turisti, hanno potuto abbandonare per tempo le autovetture. Chiusa la strada statale 244 della Val Badia tra San Martino in Badia e La Valle; chiusa anche la provinciale 43 tra San Vigilio di Marebbe e Valdaora.  

In Trentino, un violento nubifragio si è abbattuto sulla Val di Fassa: i dati indicano 123mm di pioggia caduti a Pozza di Fassa in meno di due ore! Il risultato sono ancora frane, smottamenti e allagamenti in alberghi e case private a Mazzin, Pera, Vigo, Pozza e altri paesi della zona. Tutti i corpi dei Vigili del Fuoco volontari sono operativi e anche altri corpi di volontari stanno arrivando in zona per dare supporto. La strada statale S48 delle Dolomiti è bloccata in più punti per frane e smottamenti. Circa un centinaio di persone, tra turisti e residenti, sono state evacuate da alberghi e case in val di Fassa, soprattutto nella zona di Vigo di Fassa. Le persone evacuate trascorreranno la notte nel Centro della Protezione Civile e nelle palestre. 

Circa mille i Vigili del Fuoco volontari di 50 corpi impegnati complessivamente nei circa 200 interventi.