Maltempo Trentino: in Val di Fassa trincee anti-fango, lento ritorno alla normalità

Ottocento metri di tubazioni a protezione delle case e Vigili del fuoco al lavoro per ripulire le ultime cantine

MeteoWeb

Lento ritorno alla normalità in Val di Fassa, in Trentino, dopo il nubifragio e la colata di fango di venerdì sera. Ben 800 metri di tubazioni convogliano direttamente nel torrente Avisio l’acqua che – in continua diminuzione – scende dalle scarpate che sovrastano l’abitato di Pozza di Fassa, evitando che raggiunga le abitazioni. Una trincea scavata sopra il paese raccoglie invece eventuale materiale trasportato dalla cascata che si è creata dopo l'ondata di maltempo.

I Vigili del fuoco volontari di Pozza e Mazzin coadiuvati dai colleghi delle Unioni distrettuali Fassa, Fiemme, Valsugana e Tesino stanno ripulendo dal fango gli ultimi garage e cantine investiti dalle colate. Gli abitanti evacuati per meno di 24 ore hanno potuto fare rientro nelle loro case e nelle strutture ricettive continua il normale via vai di ospiti. Nel comune di Mazzin è stata riparata la condotta di presa dell’acqua potabile in val Udai, che aveva costretto il Corpo permanente dei Vigili del fuoco di Trento a rifornire l’acquedotto comunale con le autobotti. Infine, è previsto per oggi il sopralluogo per il brillamento del grande masso di Muncion, situato a poca distanza da un’abitazione: al termine delle operazioni, anche gli ultimi 5 sfollati potranno fare rientro a casa.

Per monitorare la situazione meteo in tempo reale, ecco le migliori pagine del nowcasting: