“Migliaia di punti bianchi fino a centinaia di metri di profondità”: le meduse invadono la baia di Haifa | FOTO e VIDEO

Migliaia di meduse hanno invaso la baia della città portuale israeliana

MeteoWeb

Le meduse brulicano nel Mar Mediterraneo, vicino alla città portuale di Haifa, nel Nord di Israele. Il mare era costellato "da migliaia di punti bianchi", riporta The Jerusalem Post, riferendo che lo sciame si estendeva anche sotto la superficie fino a profondità di diverse centinaia di metri. Funzionari dell'Autorità israeliana per i parchi e la natura (Nature and Parks Authority, NPA) hanno documentato la presenza della medusa nomade (Rhopilema nomadica) nella baia di Haifa il 20 luglio utilizzando droni. L'NPA ha anche sconsigliato alle persone di nuotare nella zona, a causa del rischio di punture.

Questa concentrazione insolitamente alta di meduse, nota anche come fioritura, probabilmente deriva da attività umane che possono includere inquinamento e cambiamenti climatici, hanno affermato i rappresentanti dell'NPA.  

L'esplosione del numero di meduse quest'estate potrebbe avere conseguenze catastrofiche per l'ecosistema marino vicino alla costa di Haifa e potrebbe persino influenzare l'industria e il turismo, ha affermato Ruthy Yahel, ecologista marina dell'NPA. "Osserviamo grandi danni in molte aree, come la concorrenza ecologica con il pesce per il cibo, danni economici, intasamento delle pompe degli impianti di desalinizzazione, raffreddamento delle centrali elettriche, danni ai pescatori e il pubblico si tiene lontano dalle spiagge," ha affermato Yahel.

Le meduse sono uno spettacolo comune al largo delle coste israeliane durante l'estate, e nel 2015 e nel 2017 sono state segnalate grandi fioriture, secondo quanto riportato dal Jerusalem Post. L'Università di Haifa gestisce un sito web che tiene traccia del fenomeno avvalendosi di segnalazioni di nuotatori, subacquei, diportisti, pescatori, surfisti, canoisti e kayakisti. La mappa interattiva aiuta sia i pescherecci che i bagnanti a evitare le zone dell'oceano e le spiagge dove sono state avvistate meduse. 

Le meduse nomadi, attualmente la specie più comune nelle acque vicino ad Haifa, sono una specie invasiva originaria delle acque tropicali dell'Oceano Indiano e del Pacifico. Gli scienziati sospettano che la medusa abbia invaso il Mediterraneo dall'Oceano Indiano utilizzando il Canale di Suez, il corso d'acqua artificiale in Egitto che collega il Mediterraneo al Mar Rosso attraverso l'istmo di Suez.

Una possibile causa delle fioriture di meduse, come l'evento recentemente osservato, potrebbe essere l'inquinamento: le meduse potrebbero essersi riversate in questa regione in numero record per sfuggire alle acque reflue e ai rifiuti solidi immessi nell'oceano, secondo l'NPA. La pesca eccessiva e la riduzione della popolazione degli animali oceanici che competono con le meduse, come i pesci luna, o che li predano, come le tartarughe marine, potrebbero anche spiegare perché le meduse sono particolarmente numerose quest'anno, hanno affermato i rappresentanti dell'NPA.

Anche il clima potrebbe avere avuto un ruolo, ha spiegato al Jerusalem Post Dror Angel, ecologista marino dell'Università di Haifa: "L'ultimo inverno è stato molto piovoso e a volte freddo. Ciò potrebbe aver influenzato l'intensità delle fioriture e il loro ciclo di vita," ha detto Angel. "Sappiamo per certo che se piove molto, molti nutrienti finiscono in mare. Quindi ci sono più alghe, plancton e più cibo da mangiare per le meduse".