Ondata di caldo nell’Artico: intenso scioglimento della calotta glaciale alle Svalbard

Questa immagine, acquisita da uno dei satelliti Copernicus Sentinel-2 il 31 luglio 2022, mostra un grande rilascio di sedimenti nel Mar Artico, al largo delle Svalbard

MeteoWeb

Le altissime temperature registrate in questa estate del 2022 stanno colpendo anche l'Artico. Ieri, lunedì 1 agosto, nell'arcipelago norvegese delle Svalbard, situato a nord dell'Europa continentale, le temperature registrate sono state di circa 5°C superiori ai valori di riferimento, ovvero rispetto alla media 1981-2010 dello stesso giorno. Questa ondata di caldo sta causando livelli eccezionali di scioglimento della calotta glaciale, contribuendo così all'innalzamento del livello del mare, spiega Copernicus. 

Questa immagine, acquisita da uno dei satelliti Copernicus Sentinel-2 il 31 luglio 2022, mostra un grande rilascio di sedimenti nel Mar Artico, al largo delle Svalbard, causato dal rapido scioglimento di neve e ghiaccio. 

I dati acquisiti dai satelliti Copernicus Sentinel vengono utilizzati per rilevare con grande dettaglio i cambiamenti della superficie terrestre e monitorare gli effetti dei cambiamenti climatici su ambienti remoti come la regione artica.