Perseverance instancabile, raccolto il 12° campione sul Pianeta Rosso

Il rover sta esplorando i resti del delta nel cratere Jezero

MeteoWeb

Il rover Perseverance della NASA, delle dimensioni di un'auto, ha raccolto e sigillato il suo 12° campione di roccia mercoledì 3 agosto: lo hanno annunciato i membri del team della missione su Twitter il 5 agosto. È stata la quarta operazione del genere in meno di un mese.

Nel febbraio 2021, Perseverance è atterrato con il minuscolo elicottero Ingenuity della NASA nel cratere Jezero, largo 45 km, che ospitava un grande lago e un delta del fiume miliardi di anni fa. Il rover a sei ruote è alla ricerca di segni dell'antica vita su Marte e sta raccogliendo campioni per il futuro ritorno sulla Terra, tra le altre cose.

I primi 8 campioni di roccia raccolti da Perseverance – da settembre 2021 a marzo di quest'anno – erano di origine vulcanica, ma gli ultimi 4, raccolti tra il 7 luglio e mercoledì, provengono tutti da rocce sedimentarie.

Il rover infatti sta ora esplorando i resti del delta, esaminando le formazioni rocciose stratificate che si sono accumulate nel tempo quando il limo ricadeva nell'antico fiume di Jezero. È più probabile che tali depositi contengano composti organici e altri possibili segni della vita su Marte rispetto a quelli vulcanici, se mai questa è esistita, hanno affermato i membri del team di Perseverance. Quindi non sorprende che il ritmo di raccolta dei campioni sia ora aumentato.

Perseverance trasporta un totale di 43 provette, 38 delle quali possono essere riempite con roccia e terra marziana. Le restanti 5 aiuteranno il team della missione a stabilire quali materiali, se presenti, nei campioni raccolti, potrebbero essere contaminanti provenienti dalla Terra.

Il rover della NASA ha ora sigillato 15 di quei 43 tubi. Dodici contengono nuclei di roccia, uno contiene aria marziana (un "campione atmosferico") e gli altri due sono provette con eventuali contaminanti.

Questi campioni saranno portati sulla Terra da una campagna congiunta NASAESA, forse già nel 2033. Il programma della campagna Mars Sample Return è cambiata di recente: è stato deciso di eliminare un "fetch rover" fornito dall'ESA e fare affidamento invece su Perseverance e, se necessario, su due elicotteri simili a Ingenuity per consegnare i tubi campione al razzo della NASA che li lancerà dalla superficie marziana.