La missione del satellite Sentinel-1B termina per un’anomalia: il rientro in atmosfera dopo il lancio di un nuovo satellite Copernicus

Sentinel-1A è stato il primo satellite lanciato per Copernicus, la componente di osservazione della Terra del programma spaziale dell'UE

MeteoWeb

Il 23 dicembre 2021, Copernicus Sentinel-1B ha subito un'anomalia relativa all'alimentazione dell'elettronica degli strumenti fornita dalla piattaforma satellitare, impedendogli di fornire dati radar. Da allora gli operatori e gli ingegneri hanno lavorato instancabilmente per correggere il problema. Sfortunatamente, nonostante tutti gli sforzi, l'ESA e la Commissione Europea hanno annunciato che la missione di Sentinel-1B è conclusa. Copernicus Sentinel-1A rimane pienamente operativo e sono in vigore piani per lanciare Sentinel-1C il prima possibile.

Simonetta Cheli, Direttore dei programmi di osservazione della Terra dell'ESA, ha dichiarato: "Purtroppo dobbiamo annunciare la fine della missione del satellite Copernicus Sentinel-1B. La conclusione tratta dall'Anomaly Review Board è che è impossibile recuperare il bus regolato a 28 V dell'unità di alimentazione dell'antenna radar ad apertura sintetica in banda C del satellite, necessaria per fornire alimentazione all'elettronica del radar". "Sentinel-1A rimane operativo in orbita, continuando a fornire immagini radar di alta qualità per una moltitudine di applicazioni. Il nostro obiettivo è accelerare il lancio di Sentinel-1C. Ora, grazie al successo del volo inaugurale del razzo Vega-C il 13 luglio, noi, con Arianespace, puntiamo al lancio nel secondo trimestre del 2023".

Il direttore ad interim per lo Spazio della Commissione europea (Direzione generale per l'industria della difesa e lo spazio), Paraskevi Papantoniou, ha dichiarato: "L'indisponibilità permanente del satellite Sentinel-1B rappresenta una perdita importante per il programma spaziale dell'Unione Europea e la Commissione Europea è impegnata a mitigarne le conseguenze. In particolare, siamo riusciti a portare avanti il ​​lancio del satellite Sentinel-1C". "Nel frattempo, i dati della Copernicus Contributing Mission, compresi quelli delle società European New Space, continueranno a essere utilizzati per supportare i prodotti Copernicus Services più importanti che sono interessati. I preparativi per il de-orbit del satellite Sentinel-1B sono un esempio del nostro impegno congiunto, per l'Unione Europea e l'ESA, per uno Spazio pulito e responsabile, utilizzando le capacità di sorveglianza e localizzazione dello Spazio dell'UE".

Nell'aprile 2014, Sentinel-1A è stato il primo satellite lanciato per Copernicus, la componente di osservazione della Terra del programma spaziale dell'Unione Europea. Mentre l'Unione Europea è al timone di Copernicus, l'ESA sviluppa, costruisce e lancia i satelliti Sentinel dedicati, e gestisce anche alcune delle missioni.

Dopo il lancio di Sentinel-1B nell'aprile 2016, con la missione composta da due satelliti identici in orbita a 180° l'uno dall'altro, la missione è stata in grado di acquisire immagini del pianeta con una frequenza di ripetizione massima di 6 giorni, fino alla copertura giornaliera alle alte latitudini.

Dotata di una tecnologia radar avanzata per fornire immagini della superficie terrestre per tutte le stagioni, giorno e notte, l'ambiziosa missione Sentinel-1 ha alzato il livello dei radar spaziali. La missione porta vantaggi per numerosi servizi e applicazioni di Copernicus, come quelli relativi al monitoraggio del ghiaccio marino artico, degli iceberg, della velocità dei ghiacciai, alla sorveglianza dell'ambiente marino. Viene anche utilizzato per monitorare la deformazione del suolo derivante da subsidenza, terremoti e vulcani, per la mappatura per la gestione delle foreste, dell'acqua e del suolo e per supportare gli aiuti umanitari e le situazioni di crisi.

Con un ruolo così importante da svolgere e gli utenti che facevano affidamento su dati tempestivi, l'ESA ha agito non appena è stato chiaro che il problema dell'alimentazione di Sentinel-1B avrebbe potuto richiedere alcune settimane per risolversi, come sperava alla fine di dicembre.

Il responsabile della missione Sentinel-1 dell'ESA, Pierre Potin, ha dichiarato: "Insieme alla Commissione europea ci stiamo assicurando di colmare alcune delle lacune nei dati adeguando il piano di osservazione di Sentinel-1A e attraverso i dati radar di altre missioni satellitari che contribuiscono al Copernicus programma. Ad esempio, siamo in grado di utilizzare i dati delle Radarsat-2 e Radarsat Constellation Mission in Canada, TerraSAR-X in Germania, COSMO-SkyMed in Italia e PAZ in Spagna per supportare il monitoraggio operativo del ghiaccio marino per il servizio di monitoraggio dell'ambiente marino di Copernicus". "Mentre continuiamo a cercare di ridurre al minimo i disagi per gli utenti e a spingere per portare Sentinel-1C in orbita il prima possibile, ci stiamo anche preparando per lo smaltimento responsabile di Sentinel-1B".

Il responsabile delle operazioni di Sentinel-1, Alistair O'Connell, ha aggiunto: "Abbiamo Sentinel-1B sotto controllo, tutti gli altri sistemi tranne l'unità interessata dall'alimentazione, che impedisce l'accensione del radar, continuano a funzionare in modo nominale ed eseguiamo regolarmente il monitoraggio dello stato di salute del veicolo spaziale e manovre di routine di controllo dell'orbita. Terremo sotto controllo Sentinel-1B fino a quando non potremo iniziare il processo di smaltimento, dopo che Sentinel-1C sarà al sicuro in orbita". "Il deorbitamento di Sentinel-1B sarà effettuato secondo i requisiti di mitigazione dei detriti spaziali in vigore per i progetti dell'ESA al momento della progettazione di Sentinel-1A e Sentinel-1B, il che significa che il rientro nell'atmosfera avverrà entro 25 anni. In pratica, la durata del rientro dovrebbe essere molto più breve".