Vaiolo delle Scimmie, ECDC E OMS: l’Europa sfiora i 16 mila casi

L'apparizione del primo caso sintomatico di vaiolo delle scimmie in Europa risale all'11 marzo: la maggior parte dei contagiati ha un'età compresa tra 31 e 40 anni, il 41%, ed è di sesso maschile

MeteoWeb

L'Europa è giunta a quota 15.926 casi di vaiolo delle scimmie, secondo dati pubblicati oggi dall'Ecdc e dall'Oms Europa. Fino a questo momento, in 399 casi si è reso necessario il ricovero in ospedale: tre sono finiti in terapia intensiva, dei quali uno per ragioni non legate al virus (gli altri due sì). Quarantuno riguardano lavoratori della sanità, anche se non sono state notificate esposizioni al virus sul luogo di lavoro. L'apparizione del primo caso sintomatico in Europa risale all'11 marzo: la maggior parte dei contagiati ha un'età compresa tra 31 e 40 anni, il 41%, ed è di sesso maschile (99,1%). Il 94,8% presentava eruzioni cutanee e sintomi sistemici come febbre, affaticamento, dolori muscolari, brividi o mal di testa (65%). Il primo Paese per numero di casi in Europa è la Spagna (4.577), seguita da Regno Unito (2.759), Germania (2.724), Francia, (2.054), Olanda (927), Portogallo (633), Italia (505), tra gli altri.