Valle d’Aosta, nuove colate di fango a Oyace e Bionaz: persone bloccate

"Sono venute giù ondate di fango, che hanno sfiorato alcune case, in frazione Condemine a Oyace", spiega il sindaco di Bionaz, Valter Nicase

MeteoWeb

Neanche il tempo di terminare i lavori che due colate di detriti hanno investito la strada regionale numero 28 a Oyace e Bionaz, in Valle d’Aosta. È accaduto nel pomeriggio di oggi, negli stessi punti dove già ieri sera dei torrenti avevano portato a valle fango e pietre. "Avevamo quasi finito di rimuovere i detriti, la strada era quasi aperta, quando abbiamo visto muoversi qualcosa in alto. E' accaduto verso le 16, durante un temporale abbastanza forte. Sono venute giù ondate di fango, che hanno sfiorato alcune case, in frazione Condemine a Oyace", spiega il sindaco di Bionaz, Valter Nicase. 

"Nessuno è rimasto coinvolto, la strada era monitorata e gli operai al lavoro sono stati fatti allontanare prima che la colata raggiungesse la carreggiata". A Bionaz la frana proviene ancora dal torrente Varere, "ma questa volta ha un fronte di 100 metri, quella di ieri sera era intorno ai 30", aggiunge il primo cittadino. La strada rimarrà chiusa per la notte. "Se non piove domani ci rimetteremo a lavorare. Al momento ci sono 14 persone che non possono scendere e a cui dovremo trovare una sistemazione per la notte".  

Recuperate dall'elisoccorso 4 persone bloccate in auto a causa di una frana sulla strada che porta in Val Ferret, sopra Courmayeur. Il veicolo non poteva muoversi in quanto bloccato tra due lingue di una colata di detriti. I 4 sono in buone condizioni. La strada della Val Ferret è stata chiusa e dichiarata inagibile. Sono state evacuate alcune persone e altre sono isolate nelle case o negli alberghi a monte della frana.