Clima, le emissioni di India e Cina rendono irrilevanti le politiche occidentali

Cina e India “hanno ritardato l'attuazione degli impegni in materia di energie rinnovabili e aumentato in modo aggressivo la produzione e il consumo di combustibili fossili”, scrive Vijay Jayaraj

MeteoWeb

Mentre i Paesi dell’Occidente si impegnano in politiche climatiche sempre più ambiziose, con l’obiettivo di raggiungere le emissioni zero, si assiste ad una serie di battute d’arresto alle politiche green in Cina e India. Le posizioni sui combustibili fossili di questi due Paesi, che insieme rappresentano tre miliardi di persone, rendono praticamente irrilevanti tutti gli sforzi che i Paesi dell’Occidente stanno conducendo nel tentativo di contrastare i cambiamenti climatici. 

Cina e India “hanno ritardato l’attuazione degli impegni in materia di energie rinnovabili e aumentato in modo aggressivo la produzione e il consumo di combustibili fossili”, scrive Vijay Jayaraj, ricercatore associato presso la CO₂ Coalition, un’organizzazione senza scopo di lucro statunitense, che intende educare i responsabili politici e il pubblico sull’importante contributo dell’anidride carbonica alle nostre vite e all’economia.  

Al summit della Shanghai Cooperation Organization, i leader cinesi e indiani, insieme alle loro controparti russe e turche, hanno dichiarato esplicitamente che non possono essere costretti a ridurre il consumo di combustibili fossili, chiedendo “un aumento degli investimenti nella produzione e nell’esplorazione di petrolio e gas“”, scrive Jayaraj.  

L’India 

“In quanto secondo consumatore di carbone al mondo e patria di 1,3 miliardi di persone, l’India ha ridotto il suo impegno per la transizione verso le energie rinnovabili. Secondo i rapporti, il Paese non ha raggiunto i suoi obiettivi di installazione solare, mettendo a repentaglio i suoi obiettivi generali di transizione. L’Economic Times indiano ha riferito che almeno 25 gigawatt (GW) di progetti di energia solare che avrebbero dovuto essere operativi o quasi completati, hanno subito ritardi o incertezze. I rinvii degli impianti solari ora rendono impossibile raggiungere la prevista aggiunta di 450 GW di capacità rinnovabile entro il 2030”, si legge. 

“Il Times afferma che l’India “ha aggiunto 10 GW di capacità solare nel 2021, mentre deve aggiungere quasi 30 GW ogni anno per poter raggiungere l’obiettivo”. La National Solar Mission, la strategia per l’energia solare dell’India rinomata a livello internazionale, è allo sbando, con solo la metà della sua capacità promessa in atto”, continua Jayaraj, che sottolinea che l’India considera le centrali a carbone una parte integrante del suo settore energetico”. “Tanto che il governo ha addirittura prorogato il termine per l’installazione di filtri anti-inquinamento da parte delle centrali a carbone. Gli esperti sostengono che i vantaggi di questi impianti che funzionano senza filtri superano di gran lunga l’inconveniente degli inquinanti”. 

La Cina 

In Cina, il Premier Li Keqiang ha chiesto di “rilasciare la capacità avanzata di carbone, per quanto possibile, e implementare la fornitura di carbone a lungo termine”. In netto contrasto con l’impegno del Paese per un’economia a emissioni zero, i leader hanno raddoppiato le spese per il carbone. La Cina ha già ordinato un aumento di 300 milioni di tonnellate della produzione di carbone quest’anno”, spiega Jayaraj. 

Ad agosto, la produzione cinese di energia dal carbone si è avvicinata al massimo storico di gennaio 2021 poiché le province si sono affrettate a compensare le perdite di produzione dovute alla siccità nelle centrali idroelettriche. Nel 2022, sia la provincia del Sichuan che la sua capitale Chengdu hanno sperimentato carenze energetiche che hanno costretto aziende e fabbriche a chiudere”, si legge. 

“Gli analisti affermano che il carbone è indispensabile per il futuro energetico della Cina e che carenze come queste non fanno che riaffermarlo. In effetti, si ritiene che lo stesso Presidente Xi abbia contribuito ai piani di sviluppo quinquennali del Paese che hanno annullato l’abbandono del carbone. Contrariamente alle previsioni di migliaia di articoli e analisi, la Cina non è affatto vicina al raggiungimento del picco di consumo di carbone”, afferma Jayaraj. 

Emissioni  

Le sempre crescenti emissioni di gas serra dall’India e dalla Cina rendono prive di significato le strategie occidentali di riduzione delle emissioni. Le emissioni annuali di CO₂ della Cina derivanti dall’uso del carbone sono molte volte superiori alle emissioni simili di altre economie sviluppate. Nel 2021, le emissioni di CO₂ legate al carbone della Cina di 7421 milioni di tonnellate (MMT) erano quasi 10 volte superiori alle 889 MMT degli Stati Uniti. Le aggiunte di capacità di carbone previste dalla Cina contrasteranno ulteriormente gli sforzi degli Stati Uniti per ridurre le emissioni”, evidenzia Jayaraj. 

Non ha senso per i politici delle nazioni occidentali punire i cittadini con bollette energetiche più elevate e scarsità di energia in nome di una falsa emergenza climatica. Anche se ci fosse una crisi, le emissioni sempre crescenti provenienti da parti in via di sviluppo del mondo rendono le politiche climatiche occidentali anacronismi storici e assurdità scientifiche che sarebbero ridicole se non fossero così distruttive per le economie e le vite”, conclude Vijay Jayaraj.