I dinosauri si spostavano in base ai cambiamenti del clima: lo studio

Le cinture climatiche hanno modellato la distribuzione dei primi dinosauri sulla superficie terrestre: mammiferi, tartarughe, anfibi e rettili sopravvissuti fino ad oggi si sono adatti meglio

MeteoWeb

Una nuova collezione di fossili di dinosauri del Triassico rinvenuti nello Zimbabwe suggerisce che i primi dinosauri fossero confinati in una regione temperata nell’estremo sud dell’antico supercontinente di Pangea. I risultati, riportati in Nature, migliorano la nostra conoscenza dell’origine e della prima evoluzione dei dinosauri in tutta Pangea.

Ricerche precedenti hanno suggerito che un clima serra, una forte stagionalità e elevate concentrazioni di CO2 atmosferica hanno creato forti fasce climatiche aride e umide disposte da est a ovest attraverso Pangea. Queste diverse regioni climatiche potrebbero aver avuto una forte influenza sulla distribuzione dei primi dinosauri nel supercontinente durante questo periodo, poiché c’erano poche barriere geografiche o confini continentali che influenzavano la dispersione degli animali. Tuttavia, comprendere la distribuzione dei dinosauri nel supercontinente durante il tardo Triassico è stato impegnativo, poiché un campionamento sparso ha oscurato la loro storia più antica.

Christopher Griffin e colleghi hanno scoperto un nuovo assemblaggio fossile dello Zimbabwe, risalente alla prima parte del Tardo Triassico (stadio Carnico, circa 230 milioni di anni fa). Questa collezione di fossili contiene i più antichi dinosauri conosciuti dell’Africa, incluso uno scheletro quasi completo di un nuovo gruppo di sauropodomorfi, un tipo di dinosauro erbivoro dal collo lungo, chiamato Mbiresaurus raathi.

Il nuovo dinosauro Mbiresaurus raathi con l’assemblaggio di animali del Triassico recuperato dallo Zimbabwe settentrionale.
Credito: Andrey Atuchin

I ricercatori hanno scoperto che l’assemblaggio dell’Africa centro-meridionale assomigliava a quello degli assemblaggi di dinosauri del Sud America, inclusi Brasile e Argentina, e dell’India, suggerendo che vertebrati simili erano diffusi in questa fascia di latitudine. La distribuzione di questi dinosauri è risultata correlata alle barriere climatiche e gli autori suggeriscono che la dispersione dei dinosauri nel resto del supercontinente è stata ritardata fino a quando queste barriere non si sono allentate.

Secondo gli autori dello studio i controlli climatici hanno influenzato la composizione iniziale dei dinosauri terrestri e di altri grandi gruppi ⁠ — come mammiferi, tartarughe, anfibi e rettili ⁠ — molti dei quali sono sopravvissuti fino ad oggi.