Nord Stream, anomali terremoti nel Baltico: “sono state esplosioni sottomarine” | FOTO

L'istituto sismologico svedese ha registrato anomale scosse di terremoto nel mar Baltico: "non c'è dubbio che i danni al gasdotto Nord Stream sono stati provocati da esplosioni sottomarine"

  • mar baltico perdita gasdotto nord stream
  • mar baltico perdita gasdotto nord stream
  • mar baltico perdita gasdotto nord stream
  • perdite gas nord stream
  • gasdotto nord stream perdite 27 settembre 2022
  • gasdotto nord stream
  • gasdotto nord stream
  • gasdotto nord stream
/
MeteoWeb

Emergono nuovi dettagli sul misterioso incidente che ha provocato le perdite di gas lungo il gasdotto Nord Stream tra Svezia e Danimarca nel mar Baltico. Un esperto svedese, parlando alla TV nazionale svedese, ha affermato che ieri sera alle 19.04 ora svedese è stata registrata un’attività sismologica anomala, in quanto non si tratta di una zona sismica.

L’evento potrebbe indicare che le perdite al gasdotto Nordstream 1 e 2 sono state causate da esplosioni sottomarine e quindi provocate da un vero e proprio sabotaggio. Sono state registrate due probabili esplosioni, una delle quali di magnitudo 2.3.

Baltico, il mare “ribolle” per le maxi perdite dal gasdotto Nord Stream | VIDEO

Non c’è dubbio che si tratti di esplosioni“, ha detto Björn Lund, docente di sismologia presso la Swedish National Seismic Network, SNSN. Le triple fughe di notizie su Nord Stream 1 e 2 di lunedì sono oggetto di indagine come probabile sabotaggio. Ora SVT può rivelare che la rete sismica nazionale svedese ha rilevato due chiare esplosioni nell’area lunedì. Una delle esplosioni ha avuto una magnitudo di 2.3 ed è stata registrata in ben 30 stazioni di misurazione nel sud della Svezia.
Si può vedere chiaramente come le onde rimbalzino dal fondo alla superficie. Non c’è dubbio che è stata un’esplosione. Avevamo anche una stazione a Gnosjö che lo ha rilevato“, afferma Björn Lund, docente di sismologia e direttore della rete sismica nazionale svedese, che misura i terremoti e le esplosioni svedesi.

La prima esplosione è stata registrata alle 02:03 della notte di lunedì e la seconda alle 19:04 di lunedì sera. Gli avvisi sulle fughe di gas sono arrivati dall’amministrazione marittima rispettivamente alle 13:52 e alle 20:41 di lunedì, dopo che le navi hanno rilevato bolle in superficie.
SVT ha ottenuto le coordinate delle esplosioni misurate e si trovano nella stessa area in cui sono state registrate le fughe di gas.
L’ultima volta che un evento sismologico simile è stato registrato nell’area è stato nel 2016. Secondo Björn Lund, non è un’area solitamente utilizzata per le esercitazioni dalla difesa.
Di solito riceviamo informazioni su esplosioni che avvengono sott’acqua, ma a volte non le capiamo. In questo caso, non abbiamo ricevuto alcuna informazione“. Secondo Björn Lund, le informazioni sulle esplosioni sono state trasmesse alle forze armate svedesi. SVT ha chiesto un commento alle forze armate svedesi.