L’uragano Ian vicino alla categoria 5: verso un catastrofico landfall in Florida, si ritira l’acqua a Tampa | FOTO

L'uragano Ian si sta pericolosamente avvicinando allo stato di categoria 5: i suoi venti hanno raggiunto i 250km/h

/
MeteoWeb

L’uragano Ian si è rafforzato in un potente uragano di categoria 4 oggi, poche ore prima del previsto landfall lungo la costa del Golfo della Florida. Il landfall è previsto tra il pomeriggio e la prima serata locale nell’area vicino a Port Charlotte e Sarasota. Il governatore della Florida Ron DeSantis ha dichiarato lo stato di emergenza. 

Uragano Ian vicino alla categoria 5 

Ian continua a rafforzarsi mentre si sposta sulle acque più calde del Golfo del Messico. L’uragano si sta pericolosamente avvicinando allo stato di categoria 5. I suoi venti hanno raggiunto i 250km/h, a soli 2km/h dalla categoria 5, la massima sulla scala Saffir-Simpson. 

DeSantis ha avvertito che Ian potrebbe potenzialmente approdare in Florida come uragano di categoria 5. “Questa è una potente tempesta che dovrebbe essere trattata come tratteresti un tornado che si avvicina a casa tua”, ha detto. “Ha continuato a rafforzarsi ed è una cosa seria. Farà molti danni, le persone dovrebbero essere preparate per questo”. Più di 200 rifugi sono aperti nel sud della Florida, ha detto il governatore, aggiungendo che 26 stati, tra cui New York e New Jersey, hanno inviato supporto in Florida. Più di 30 elicotteri sono pronti a intervenire per aiutare gli abitanti della Florida, ha detto DeSantis. 300 imbarcazioni si occuperanno di soccorrere le persone e consegnare cibo in quelle zone isolate. “Ci aspettiamo – ha aggiunto DeSantisun blackout diffuso“. 

Solo quattro uragani hanno toccato terra negli Stati Uniti continentali con venti superiori a 250km/h: l’uragano del Labor Day nel 1935 con venti a 298km/h; Camille nel 1969 con venti a 281km/h; Andrew nel 1992 con venti a 265km/h; Michael nel 2018 con venti a 257km/h. 

Previsto un impatto devastante 

La rapida intensificazione di Ian causerà catastrofiche mareggiate, venti e inondazioni nella penisola della Florida“, ha affermato il National Hurricane Center (NHC). È previsto uno storm surge, ossia un innalzamento del livello del mare, fino a 5,5 metri lungo la costa sudoccidentale della Florida, incluse località come Englewood, Bonita Beach e Charlotte Harbor. 

L’amministratore della FEMA Deanne Criswell ha avvertito che la sua più grande preoccupazione per Ian è proprio lo storm surge. “Nel 2018, quando l’uragano Michael ha colpito la Florida Panhandle, ci sono state cinque vittime registrate a causa dello storm surge”, ha osservato. 

I venti da uragano si stanno avvicinando alla costa della Florida vicino a Sanibel Island, che si trova a 37km da Fort Myers. Da Tampa, arrivano immagini dell’acqua che si è ritirata, segno che l’uragano è sempre più vicino (vedi foto della gallery scorrevole in alto). Oltre 172.000 persone sono già senza elettricità in Florida mentre Ian si avvicina. 

Per quanto riguarda il traffico aereo, ci sono almeno 1.903 cancellazioni di voli all’interno, in entrata o in uscita dagli Stati Uniti per oggi. Altri 1.572 voli sono già stati cancellati per giovedì 29 settembre.