Rilevato il più grande asteroide potenzialmente pericoloso per la Terra in otto anni

Le osservazioni crepuscolari dell'Osservatorio interamericano Cerro Tololo individuano tre grandi asteroidi near-Earth nascosti nel Sistema Solare interno

MeteoWeb

Le osservazioni crepuscolari con la Dark Energy Camera presso l’Osservatorio interamericano Cerro Tololo in Cile, un programma del NOIRLab di NSF, hanno consentito agli astronomi di individuare tre asteroidi near-Earth (NEA) nascosti nel bagliore del Sole. Questi NEA fanno parte di una popolazione sfuggente che si nasconde all’interno delle orbite della Terra e di Venere. Uno degli asteroidi è il più grande oggetto potenzialmente pericoloso per la Terra scoperto negli ultimi otto anni. 

Sfruttando le condizioni di osservazione brevi ma favorevoli durante il crepuscolo, gli astronomi hanno trovato un trio sfuggente di NEA. Uno è un asteroide largo 1,5 chilometri chiamato 2022 AP7, che ha un’orbita che un giorno potrebbe metterlo sulla traiettoria della Terra. Gli altri asteroidi, chiamati 2021 LJ4 e 2021 PH27, hanno orbite che rimangono in sicurezza completamente interne all’orbita terrestre.  

Di particolare interesse anche per astronomi e astrofisici, 2021 PH27 è l’asteroide conosciuto più vicino al Sole. In quanto tale, ha i più grandi effetti di relatività generale di qualsiasi oggetto nel nostro Sistema Solare e durante la sua orbita la sua superficie diventa abbastanza calda da fondere il piombo. 

La nostra indagine crepuscolare sta perlustrando l’area all’interno delle orbite della Terra e di Venere alla ricerca di asteroidi”, ha affermato Scott S. Sheppard, astronomo presso l’Earth and Planets Laboratory della Carnegie Institution for Science e autore principale dell’articolo che descrive questo lavoro. “Finora abbiamo trovato due grandi asteroidi near-Earth larghi circa 1 chilometro, una dimensione che chiamiamo killer di pianeti“. 

Probabilmente sono rimasti solo pochi NEA con dimensioni simili da trovare, e questi grandi asteroidi sconosciuti probabilmente hanno orbite che li mantengono all’interno delle orbite della Terra e di Venere per la maggior parte del tempo“, ha detto Sheppard. “Finora sono stati scoperti solo circa 25 asteroidi con orbite completamente all’interno dell’orbita terrestre a causa della difficoltà di osservare vicino al bagliore del Sole”. 

Trovare asteroidi nel Sistema Solare interno è un’ardua sfida di osservazione. Gli astronomi hanno solo due brevi finestre di 10 minuti ogni notte per esaminare quest’area e devono fare i conti con uno sfondo luminoso del cielo risultante dal bagliore del Sole. Inoltre, tali osservazioni sono molto vicine all’orizzonte, il che significa che gli astronomi devono osservare attraverso uno spesso strato di atmosfera terrestre, che può offuscare e distorcere le loro osservazioni.  

La scoperta di questi tre nuovi asteroidi nonostante queste sfide è stata possibile grazie alle capacità di osservazione uniche di DECam. Lo strumento all’avanguardia offre agli astronomi la capacità di catturare vaste aree del cielo con grande sensibilità. Gli astronomi si riferiscono alle osservazioni come “profonde” se catturano oggetti deboli. “Sono necessarie ampie aree di cielo perché gli asteroidi interni sono rari e sono necessarie immagini profonde perché gli asteroidi sono deboli e si combatte il luminoso cielo crepuscolare vicino al Sole, nonché l’effetto distorsivo dell’atmosfera terrestre“, ha detto Sheppard. “DECam può coprire vaste aree del cielo a profondità non raggiungibili con telescopi più piccoli, permettendoci di andare più in profondità, coprire più cielo e sondare il Sistema Solare interno in modi mai fatti prima”. 

Oltre a rilevare asteroidi che potrebbero potenzialmente rappresentare una minaccia per la Terra, questa ricerca è un passo importante verso la comprensione della distribuzione di piccoli corpi nel nostro Sistema Solare. Gli asteroidi che sono più lontani dal Sole rispetto alla Terra sono più facili da rilevare. Per questo motivo questi asteroidi più distanti tendono a dominare gli attuali modelli teorici della popolazione di asteroidi.  

Il rilevamento di questi oggetti consente inoltre agli astronomi di capire come gli asteroidi vengono trasportati attraverso il Sistema Solare interno e come le interazioni gravitazionali e il calore del Sole possono contribuire alla loro frammentazione. 

La nostra indagine DECam è una delle ricerche più ampie e sensibili mai eseguite per oggetti all’interno dell’orbita terrestre e vicino all’orbita di Venere”, ha affermato Sheppard. “Questa è un’occasione unica per capire quali tipi di oggetti si nascondono nel Sistema Solare interno”. 

“Dopo dieci anni di straordinario servizio, DECam continua a produrre importanti scoperte scientifiche e allo stesso tempo contribuisce alla difesa planetaria, un servizio cruciale a beneficio dell’intera umanità”, ha affermato Chris Davis, Direttore del programma NSF per NOIRLab. DECam è stato originariamente costruito per svolgere il Dark Energy Survey, condotto dal DOE e dalla National Science Foundation degli Stati Uniti tra il 2013 e il 2019.