Siccità, climatologo Cassardo: “crisi grave, mancano 3 stagioni di pioggia”

Siccità, "per dare sollievo alle nostre riserve idriche restano solo pochi giorni. Ma ancora siamo sotto l'Anticiclone africano", afferma il climatologo Cassardo
MeteoWeb

Dal punto di vista idrico, la primavera e l’estate di quest’anno sono state disastrose. Su 14 mesi abbiamo raggiunto probabilmente il secondo valore minimo di piogge a livello centennale. Se non ci sarà un recupero a novembre e per ora i segnali non sono positivi, rischiamo che il prossimo anno inizi con tre stagioni di pioggia mancanti e con una crisi idrica gravissima non solo per il bacino del Po“. A lanciare l’allarme all’AGI è Claudio Cassardo, climatologo del Dipartimento di Fisica dell’Università degli Studi di Torino.  

L’inverno è una stagione che climatologicamente non presenta tante precipitazioni. Per dare sollievo alle nostre riserve idriche restano solo pochi giorni. Ma ancora siamo sotto l’Anticiclone africano”, aggiunge Cassardo. Inoltre, il rischio è che il forte caldo, all’arrivo di fronti freddi invernali, possa contribuire a innescare fenomeni temporaleschi, e non solo, estremi, in grado di provocare gravi danni, senza peraltro aiutare a risanare le riserve d’acqua del Paese. “Non possiamo fare previsioni a lunga scadenza, ma è sicuramente una possibilità – osserva Cassardo – se il raffreddamento non avverrà gradualmente, c’è effettivamente il rischio che si presentino questi eventi eccezionali”. 

“Il risultato dal punto di vista delle riserve idriche sarebbe un effetto neutro, vale a dire che le piogge in questione, brevi e violente, non riuscirebbero a penetrare nei terreni inariditi, e da lì nelle riserve idriche. Ciò di cui abbiamo bisogno è una pioggia lenta e costante di quella che – seppur brevemente – si è presentata in Piemonte di recente. Se non l’avremo in misura sufficiente, la situazione idrica del bacino del Po e a livello nazionale sarà insostenibile”, ha concluso Cassardo.

Caldo e siccità: il Po come d’estate, allerta rossa al Nord

Condividi