Un gregge di pecore cammina in cerchio da giorni: mistero sulle cause | VIDEO

Un grande gregge di pecore marcia continuamente in senso orario in un cerchio quasi perfetto in una fattoria della Mongolia: le bizzarre immagini
MeteoWeb

Altro che contarle per dormire. C’è da perdere il sonno con le pecore protagoniste di questa bizzarra storia! Decine di pecore camminano stranamente in cerchio dal 4 novembre nella regione della Mongolia interna.  

Il misterioso comportamento, catturato da video di sorveglianza, mostra il grande gregge che marcia continuamente in senso orario in un cerchio quasi perfetto in una fattoria. Si possono vedere alcune pecore osservare la scena dall’esterno della rotazione mentre altre a volte stanno immobili al centro. 

Il video della strana scena è stato twittato dal quotidiano statale cinese People’s Daily, che ha riferito che le pecore sono perfettamente sane e che la causa del comportamento rimane un mistero. 

Il proprietario delle pecore, identificato come la signora Miao, ha affermato che lo spettacolo è iniziato con poche pecore, prima che l’intero gregge si unisse a loro, ha riferito “Metro”. Sebbene ci siano 34 ovili nella fattoria, solo le pecore in uno dei recinti, il numero 13, si sono comportate in questo modo. Non è chiaro se gli animali smettano di mangiare o bere. 

Le possibili cause 

Alcuni hanno ipotizzato che il comportamento delle pecore potrebbe essere causato da una malattia batterica chiamata Listeriosi. Questa malattia può infiammare parte del cervello e fare in modo che gli animali si comportino in modo strano.  

“Inizialmente, gli animali colpiti sono anoressici, depressi e disorientati. Possono spingersi negli angoli, appoggiarsi a oggetti fissi o girare in cerchio verso il lato interessato”, secondo il Merck Manual. I focolai si verificano in genere a causa di insilato andato a male o di bassa qualità. Nelle pecore e nelle capre, tuttavia, la morte si verifica solitamente entro 24-48 ore dall’osservazione dei sintomi. Il mistero sul curioso comportamento del gregge in Mongolia continua.  

Condividi