Neuralink di Elon Musk sotto inchiesta per la morte di 1.500 animali nei suoi laboratori

In tutto, l'azienda avrebbe ucciso circa 1.500 animali, tra cui più di 280 tra pecore, maiali e scimmie, a seguito di esperimenti dal 2018

MeteoWeb

Neuralink, azienda produttrice di dispositivi medici di Elon Musk, è sotto indagine federale per potenziali violazioni del benessere degli animali, tra le lamentele del personale interno secondo cui i suoi test sugli animali sono stati affrettati, causando inutili sofferenze e morti: è quanto sarebbe emerso da documenti esaminati da Reuters e da fonti a conoscenza delle indagini e delle operazioni aziendali.

Neuralink sta sviluppando un impianto cerebrale che spera possa aiutare le persone paralizzate a camminare di nuovo e curare altri disturbi neurologici. L’indagine federale, di cui non è stata data notizia in precedenza, è stata aperta nei mesi scorsi dall’ispettore generale del Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti su richiesta di un procuratore federale, secondo due fonti a conoscenza dell’inchiesta, riporta Reuters. L’indagine, ha affermato una delle fonti, si concentra sulle violazioni dell’Animal Welfare Act, che regola il modo in cui i ricercatori trattano e testano alcuni animali.

L’indagine è arrivata in un momento di crescente dissenso dei dipendenti sui test sugli animali di Neuralink, comprese le lamentele secondo cui la pressione del CEO Musk per accelerare lo sviluppo ha portato a esperimenti falliti, secondo quanto emerso da una revisione di Reuters di dozzine di documenti Neuralink e interviste con più di 20 attuali e ex dipendenti. Tali test falliti hanno dovuto essere ripetuti, aumentando il numero di animali sottoposti a test e uccisi, affermano i dipendenti. I documenti aziendali includono messaggi precedentemente non segnalati, registrazioni audio, e-mail, presentazioni e rapporti.

In tutto, l’azienda avrebbe ucciso circa 1.500 animali, tra cui più di 280 tra pecore, maiali e scimmie, a seguito di esperimenti dal 2018, secondo i documenti esaminati da Reuters e fonti con conoscenza diretta delle operazioni di test sugli animali dell’azienda. Le fonti hanno definito tale cifra come una stima approssimativa perché l’azienda non tiene registri sul numero di animali testati e uccisi. Neuralink ha anche condotto ricerche utilizzando ratti e topi.

Il numero totale di animali morti non indica necessariamente che Neuralink stia violando regolamenti o pratiche di ricerca standard. Molte aziende usano abitualmente gli animali negli esperimenti per far progredire l’assistenza sanitaria umana e devono affrontare pressioni finanziarie per portare rapidamente i prodotti sul mercato. Gli animali vengono generalmente uccisi quando gli esperimenti sono completati, spesso in modo che consentano l’esame post mortem per scopi di ricerca.

I dipendenti attuali ed ex di Neuralink affermano però che il numero di animali morti è superiore a quello necessario, per motivi legati alle richieste di Musk di accelerare la ricerca. Attraverso discussioni aziendali e documenti che coprono diversi anni, insieme a interviste ai dipendenti, Reuters ha identificato 4 esperimenti che coinvolgono 86 maiali e 2 scimmie che sono stati inficiati negli ultimi anni da errori umani. Gli errori hanno indebolito il valore di ricerca degli esperimenti e hanno richiesto la ripetizione dei test, portando all’uccisione di più animali, hanno affermato tre membri dello staff attuale ed ex. Le tre persone hanno attribuito gli errori alla mancanza di preparazione da parte del personale addetto ai test che lavorava sottoposto a pressioni.

Musk ha spinto al massimo per accelerare i progressi di Neuralink, che dipendono fortemente dai test sugli animali, hanno affermato dipendenti attuali ed ex. All’inizio di quest’anno, l’amministratore delegato ha inviato allo staff un articolo sui ricercatori svizzeri che hanno sviluppato un impianto elettrico che ha aiutato un uomo paralizzato a camminare di nuovo. “Potremmo consentire alle persone di usare le mani e camminare di nuovo nella vita quotidiana!” ha scritto allo staff l’8 febbraio. Dieci minuti dopo, ha proseguito: “In generale, semplicemente non ci stiamo muovendo abbastanza velocemente. Mi sta facendo impazzire!

I problemi con i test di Neuralink hanno sollevato interrogativi interni sulla qualità dei dati risultanti, hanno affermato tre dipendenti attuali o precedenti. Tali problemi potrebbero potenzialmente ritardare l’offerta della società di avviare la sperimentazione umana, cosa che Musk ha affermato di volere fare entro i prossimi 6 mesi. Si aggiungono anche a un elenco crescente di mal di testa per Musk, che sta affrontando critiche per la sua gestione di Twitter, che ha recentemente acquisito per 44 miliardi di dollari.