Gli USA raggiungono Cina e Russia: testato il primo prototipo di missile ipersonico

L'Air Force americana ha effettuato con successo il primo test di un missile ipersonico aria-terra, ll’Air-launched Rapid Response Weapon
MeteoWeb

La scorsa settimana, l’Air Force americana ha effettuato con successo il primo test del suo missile ipersonico completo aria-terra, ha affermato l’Air Force in un comunicato. Un prototipo completo dell’Air-launched Rapid Response Weapon, noto in breve come ARRW, è stato lanciato da un B-52 al largo della costa della California venerdì 9 dicembre. 

Il missile AGM-183A ha raggiunto velocità ipersoniche più di cinque volte la velocità del suono ed è esploso nell’area terminale, ha detto il 96° Test Wing. Tutti gli obiettivi del test sono stati raggiunti, secondo l’Air Force. 

L’ARRW è un missile boost-glide che utilizza un razzo booster per accelerare un proiettile a velocità ipersoniche. Un veicolo planante quindi si separa dal booster e utilizza l’inerzia per viaggiare verso il suo bersaglio a velocità ipersoniche. Questo test è stato il primo dell’intero sistema, noto come test All-Up-Round. I lanci precedenti si sono concentrati sul razzo booster. 

Il missile ARRW ha subito una serie di fallimenti durante i test lo scorso anno, costringendo l’Air Force a ritardare il progetto. L’Air Force ha descritto i fallimenti come “anomalie“. 

Gli USA raggiungono Cina e Russia

Il Pentagono ha posto una maggiore enfasi sui test e lo sviluppo di armi ipersoniche, soprattutto perché Cina e Russia hanno mostrato progressi nei propri programmi. La Russia ha schierato i suoi missili ipersonici Kinzhal in Ucraina, segnando forse la prima volta che tali armi sono state usate in guerra. E durante un test dell’anno scorso, un missile ipersonico cinese ha fatto il giro del mondo prima di colpire il bersaglio. 

Le armi ipersoniche viaggiano a velocità superiori a Mach 5, rendendole difficili da rilevare e intercettare in tempo. I missili possono anche manovrare e variare l’altitudine, consentendo loro di eludere gli attuali sistemi di difesa missilistica. 

Mentre le altre superpotenze del mondo andavano avanti con lo sviluppo delle loro armi ipersoniche, gli Stati Uniti si sono trovati a rimanere ancora più indietro a causa dei fallimenti dei test. A maggio, un altro sistema ipersonico chiamato Common Hypersonic Glide Body ha fallito durante il suo primo test completo a causa di una “anomalia“, ha detto il Pentagono. Anche il precedente test del sistema, una joint venture tra Esercito e Marina, era fallito. Da allora, il Pentagono ha lavorato per aumentare il ritmo dei test ipersonici e i suoi sforzi di ricerca e sviluppo, arruolando le università per assistere con alcuni degli aspetti più complicati dei missili avanzati. 

Condividi