Maltempo: in Abruzzo allerta arancione per rischio valanghe e gialla per rischio idrogeologico

Da oggi e fino alle ore 24 di domani, giovedì 26 gennaio, è prevista "criticità moderata - allerta arancione" per rischio valanghe su tutte e cinque le zone di allerta dell'Abruzzo

MeteoWeb

Il Centro Funzionale d’Abruzzo della Protezione Civile, “tenuto conto del Bollettino Valanghe emesso in data odierna dal Servizio Meteomont dell’Arma dei Carabinieri”, comunica che da oggi e fino alle ore 24 di domani, giovedì 26 gennaio, è prevista “criticità moderata – allerta arancioneper rischio valanghe su tutte e cinque le zone di allerta abruzzesi. 

Il Centro Funzionale invita quindi “i Comuni delle meteonivozone in cui è prevista criticità, a prestare particolare attenzione alle aree antropizzate interessate da innevamento. Si invitano le Autorità Locali di protezione civile – si legge nel bollettino – a tenersi costantemente aggiornate, sui Bollettini di Pericolosità Valanghe emessi dal Servizio Meteomont dell’Arma dei Carabinieri e sulle informative emesse dal Centro Funzionale d’Abruzzo, e monitorare costantemente il proprio territorio al fine di essere pronti ad affrontare le criticità”.  

Con la criticità moderata, “le valanghe attese possono interessare diffusamente le aree antropizzate, anche in siti non abitualmente esposti al pericolo valanghe. Si tratta – recita il documento – per lo più di eventi di magnitudo media o elevata. Pericolo per l’incolumità delle persone. I beni colpiti possono subire danni di moderata entità. Danni più rilevanti sono possibili nei contesti più vulnerabili“.

Maltempo Abruzzo: domani allerta gialla per rischio idrogeologico 

Criticità ordinaria – allerta gialla” per rischio idraulico sulla costa e per rischio idrogeologico per temporali sulle aree interne, in Abruzzo, per domani, giovedì 26 gennaio. Lo prevede il bollettino diramato dal Centro funzionale d’Abruzzo della Protezione Civile, tenuto conto delle previsioni e delle valutazioni meteo, delle precipitazioni registrate nelle ultime 24 ore e dello stato di saturazione dei suoli.  

Il Centro Funzionale invita i Comuni a prestare particolare attenzione e a mettere in atto le azioni previste dal Piano di Emergenza Comunale, in special modo nelle zone in cui sono presenti movimenti franosi in atto e sulle aree percorse da incendi. In caso di “criticità ordinaria – allerta gialla” si possono verificare fenomeni localizzati di erosione, frane superficiali e colate rapide di detriti o di fango, ruscellamenti superficiali, innalzamento dei livelli idrometrici dei corsi d’acqua minori, con inondazioni delle aree limitrofe, scorrimento superficiale delle acque nelle strade e possibili fenomeni di rigurgito dei sistemi di smaltimento delle acque piovane, caduta massi. 

Nelle prossime ore, sono previste precipitazioni da sparse a diffuse, anche a carattere di rovescio o temporale, sui settori orientali e costieri, con quantitativi cumulati moderati; precipitazioni sparse, anche a carattere di rovescio o temporale, sui restanti settori, con quantitativi cumulati da deboli a moderati; nevicate in abbassamento fino a 500-700 m sui settori interni ed appenninici con apporti al suolo generalmente moderati, fino ad elevati sui settori appenninici, specie alle quote più alte.