Il gigantesco iceberg dell’Antartide dallo spazio, ESA: “i glaciologi lo monitoravano da anni”

Era solo una questione di tempo prima che le fratture Chasm 1 e Halloween Crack si incontrassero per dare vita al gigantesco iceberg che si è staccato in Antartide  

MeteoWeb

Erano anni che i glaciologi monitoravano il gigantesco iceberg che si è staccato domenica scorsa dalla piattaforma di ghiaccio Brunt dell’Antartide e la cui crepa aveva iniziato ad aprirsi nel 2012. L’Agenzia Spaziale Europea (ESA) spiega che la tempistica dell’evento del distacco, “sebbene inaspettata, era stata a lungo anticipata”. I glaciologi hanno monitorato per anni le numerose crepe e voragini che si sono formate nella spessa piattaforma di ghiaccio di Brunt, che confina con la costa di Coats Land nel settore del Mare di Weddell in Antartide. Era solo una questione di tempo prima che Chasm 1, che era rimasto dormiente per decenni, incontrasse Halloween Crack, avvistato per la prima volta ad Halloween 2016.  

L’ESA sottolinea che si prevede che il nuovo iceberg si chiamerà A-81, con il pezzo più piccolo a nord probabilmente identificato come A-81A o A-82. Gli iceberg, spiega ancora l’ESA, sono tradizionalmente identificati da una lettera maiuscola che indica il quadrante antartico in cui sono stati originariamente avvistati, seguita da un numero sequenziale, quindi, se l’iceberg si rompe in pezzi più piccoli, da una lettera minuscola sequenziale. 

La divisione è stata segnalata per la prima volta dal BAS (British Antarctic Survey) come avvenuta il 22 gennaio scorso tra le 19:00 e le 20:00 UTC durante una marea primaverile. La stazione di ricerca Halley VI del BAS, dove i glaciologi hanno monitorato il comportamento della piattaforma di ghiaccio, non è stata influenzata dall’evento di distacco. L’ESA ricorda che la stazione di ricerca è stata trasferita nel 2017 in un luogo più sicuro dopo che la piattaforma di ghiaccio è stata ritenuta non sicura. La stazione si trova attualmente a circa 20km dalla linea di rottura e ci sono attualmente 21 persone che lavorano sulla stazione per mantenere gli alimentatori e le strutture che mantengono operative le esperienze scientifiche per tutto l’inverno.  

Drinkwater (ESA): “il distacco dell’iceberg finalmente è avvenuto” 

“Il distacco dell’iceberg finalmente è avvenuto“, afferma il ricercatore ed esperto di ghiacci Mark Drinkwater dell’Agenzia Spaziale Europea. In post su esa.int, Drinkwater sottolinea che “dopo diversi anni di monitoraggio del ‘parto’ dell’iceberg, la tanto attesa separazione dell’iceberg Brunt A81 è finalmente avvenuta”. “La propagazione verso nord di Chasm 1 e la tempestiva decisione del BAS di spostare la base di Halley su un terreno più sicuro sono state accompagnate da quello che è stato forse l’esame più dettagliato e di più lunga durata degli eventi che hanno portato al distacco naturale da una piattaforma di ghiaccio antartica“, spiega lo scienziato. 

Grazie a Copernicus, unito alle misurazioni in situ e aeree effettuate dal British Antarctic Survey, la sicurezza della base di Halley è stata preservata. Nel frattempo – prosegue Drinkwater – la combinazione delle immagini estive di Sentinel-2 e la disponibilità del monitoraggio durante tutto l’anno e invernale da parte del radar Sentinel-1 ha posto sotto il microscopio pubblico mondiale il modello di deformazione e propagazione di una frattura della piattaforma di ghiaccio”.  

Per Dominic Hodgson, glaciologo del BAS, “questo ‘parto’ era previsto e fa parte del comportamento naturale della piattaforma di ghiaccio di Brunt. Non è legato al cambiamento climatico. I nostri team scientifici e operativi continuano a monitorare la piattaforma di ghiaccio in tempo reale per garantire che sia sicura e per mantenere la consegna della scienza che intraprendiamo ad Halley. Gli scienziati dell’ESA e del BAS riferiscono che “il distacco degli iceberg da una piattaforma di ghiaccio è seguito da un aggiustamento del flusso di ghiaccio nella piattaforma di ghiaccio”. “Se Brunt ora sperimenta un’accelerazione, potrebbe influenzare il comportamento di altre crepe nell’area“, aggiungono.  

iceberg antartide

iceberg antartide