Ponte sullo Stretto, Berlusconi: “grande opera necessaria, apriremo i cantieri in pochi mesi”

Ponte sullo Stretto, Berlusconi: "via ai cantieri in pochi mesi, è opera necessaria in passato bloccata dalla sinistra"

MeteoWeb

I nostri governi di centrodestra hanno certamente reso l’Italia più moderna ed efficiente. All’ambientalismo ideologico della sinistra, ai propositi di decrescita infelice del Movimento 5 Stelle, che avrebbe voluto un’Italia solo agricola, senza più industria, abbiamo risposto con progetti e opere che oggi consentono ai nostri cittadini di viaggiare comodamente e rapidamente da una parte all’altra del Paese, consentono a milioni di turisti di visitare il nostro paese ogni anno, consentono alle nostre imprese di trasportare e consegnare i loro prodotti in poche ore“. Lo dice il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, con un video su Instagram.

Citando i suoi “quasi 10 anni da Presidente del consiglio” e l’inaugurazione di “centinaia di opere pubbliche, piccole o grandi che fossero“, Berlusconi sottolinea il “perché, come avevamo promesso, tra i primi atti di questo governo, è stato scritto un nuovo Codice degli appalti. “Con il nuovo testo – secondo le nostre previsioni – più dell’80% degli appalti oggi in essere avrebbe potuto essere più veloce. I pareri delle autorità competenti che dovevano arrivare entro 45 giorni, da oggi in avanti devono arrivare ai richiedenti entro 30 giorni, quelli che avevano come limite due mesi (Conferenza dei Servizi) dovranno essere resi e chiusi entro 45 giorni. Abbiamo accorciato i tempi di un quarto. E anche le necessarie verifiche preventive per le aree di interesse archeologico non allungheranno più i tempi di realizzazione delle opere“. “Abbiamo creato le condizioni – prosegue – per realizzare una grande opera necessaria, il Ponte sullo Stretto di Messina, che, però, è stata poi fermata dei governi della sinistra. Oggi, finalmente, si sono convinti tutti della bontà della nostra intuizione: apriremo finalmente i cantieri nei prossimi mesi“.

Le parole del presidente Silvio Berlusconi rappresentano un’ulteriore conferma della volontà politica del centrodestra di riavviare il progetto per la realizzazione del Ponte sullo Stretto di Messina. La costruzione di questa infrastruttura rappresenta una battaglia storica di Forza Italia. I governi guidati dal nostro leader hanno più volte dato il via libera a questa grande opera, ma l’ideologia della sinistra, dei 5 Stelle, ed errori tragici fatti da passati esecutivi tecnici, hanno sempre stoppato l’apertura dei cantieri. Per il centrodestra le infrastrutture sono la colonna portante attorno alla quale si può creare lavoro, sviluppo e crescita, sono un fattore indispensabile per attrarre imprese e con esse investimenti: al Sud più che in altre zone del Paese. Per queste ragioni siamo convinti che la realizzazione del Ponte sullo Stretto non sia più rinviabile, anche in virtù del ruolo strategico che sta sempre più assumendo l’area del Mediterraneo. La Sicilia e il Mezzogiorno non possono perdere questa grande occasione. L’impegno del premier Meloni, del ministro Salvini e del presidente Berlusconi va nella giusta direzione”. Lo afferma in una nota Matilde Siracusano, sottosegretario ai Rapporti con il Parlamento.