Ritrovato straordinario fossile anfibio, il più antico mai conosciuto | FOTO

La creatura fossile rinvenuta colma il divario tra i ceciliani moderni e i tetrapodi estinti e fa luce sull'evoluzione di rane e salamandre

  • Fossile rettile
  • Fossile rettile
    Ricostruzione artistica di Funcusvermis gilmorei (in primo piano) e del parente coccodrillo Acaenasuchus geoffreyi (in fondo) nella foresta tropicale del Parco Nazionale della Foresta Pietrificata circa 220 milioni di anni fa. Crediti: Andrey Atuchin, National Park Service e Petrified Forest Museum Association.
  • Una coprolite (cacca fossilizzata) raccolta da Thunderstorm Ridge. Credito fotografico: Ben T. Kligman
  • Fossile rettile paleontologia
    Lo stagista di paleontologia del Parco Nazionale della Foresta Pietrificata William Reyes scava fossili nel sito fossile di "Thunderstorm Ridge". Credito fotografico: Ben T. Kligman
  • Fossile rettile paleontologia
    Gli stagisti del Petrified Forest National Park (Elliott Armor Smith e William Reyes) scavano fossili nel sito fossile di "Thunderstorm Ridge". Credito fotografico: Ben T. Kligman
  • Fossile rettile
    Fotografia microscopica di una mascella inferiore di Funcusvermis gilmorei subito dopo che è stata recuperata durante lo smistamento microscopico dei sedimenti dal sito fossile di Thunderstorm Ridge nel Petrified Forest National Park Paleontology Lab. Credito fotografico: Ben T. Kligman
  • Fossile rettile paleontologia
    Fotografia dell'esemplare olotipico di Funcusvermis gilmorei (una mascella inferiore destra) subito dopo la prima raccolta. Credito fotografico: Ben T. Kligman
/
MeteoWeb

I paleontologi hanno ritrovato il fossile più antico mai conosciuto di un anfibio. E’ simile ad un verme ed è noto come ceciliano. A riportarne la scoperta è la rivista scientifica Nature. Il ritrovamento fa luce sulle origini delle cecilie e sulla loro posizione nel gruppo degli anfibi.

I ceciliani moderni sono anfibi senza arti che sembrano vermi o serpenti. Le loro origini sono poco conosciute, a causa della scarsità di fossili rilevanti. Nello studio riportato da Nature, Ben Kligman e colleghi hanno analizzato i resti frammentati e fossilizzati di almeno 76 singoli ceciliani. I fossili sono stati trovati nella formazione Chinle del Triassico superiore del Parco nazionale della foresta pietrificata, in Arizona. Datati a 220 milioni di anni fa, i risultati estendono la documentazione fossile ceciliana di ben 35 milioni di anni.

Caratteristiche dell’esemplare fossile

La creatura fossile rinvenuta racchiude in sé le caratteristiche trovate nell’antenato comune dei ceciliani viventi con quelle di un gruppo estinto di anfibi. Si tratta di animali a quattro zampe chiamati temnospondili dissorofoidi. Mancano però in questo fossile anche alcune caratteristiche che sono presenti nei ceciliani moderni. Tra questi l’organo tendicolare.

L’esemplare ritrovato, in virtù di queste sue caratteristiche, colma il divario tra i ceciliani moderni e i tetrapodi estinti. Conferma inoltre la posizione dei ceciliani all’interno della Lissamphibia, ovvero il gruppo che contiene anche rane e salamandre.