Archeologia, prestigiosa scoperta in Danimarca: una sala vichinga del X secolo | FOTO

Scoperto i resti di una vasta sala vichinga nello Jutland settentrionale, in Danimarca: la struttura risale probabilmente al regno di Harald I

  • sala vichinga danimarca
    Nordjyske Museer
  • sala vichinga danimarca
    Nordjyske Museer
  • sala vichinga danimarca
    Nordjyske Museer
/
MeteoWeb

Gli archeologi che scavano nel villaggio di Hune, nello Jutland settentrionale, in Danimarca, hanno scoperto i resti di una vasta sala vichinga, definita “il più grande ritrovamento dell’epoca vichinga di questa natura” in oltre un decennio. Con una lunghezza di 39 metri e una larghezza di circa 10 metri, con 10-12 pali di quercia che sostenevano il tetto, l’edificio è stato considerato prestigioso per le sue dimensioni. Probabilmente risale al regno di Harald I, o Harald Blåtand Gormsen, che governò la Danimarca dal 958 al 986 d.C. durante il tardo periodo vichingo.  

Il disegno dell’edificio è indicativo dell’epoca, in quanto ricorda le strutture dei castelli ad anello come Fyrkat, vicino a Hobro, e Aggersborg, vicino ad Aggersund. Attribuite ad Harald I, queste fortezze circolari erano progettate per ospitare sedici strette costruzioni in legno che variavano di dimensione in base all’importanza dei residenti. 

Sebbene sia stato scavato solo in parte, il ritrovamento è stato abbastanza notevole. “Non abbiamo mai visto nulla di simile prima d’ora qui nello Jutland settentrionale“, ha dichiarato in un comunicato Thomas Rune Knudsen, l’archeologo del Museo storico dello Jutland settentrionale che ha guidato lo scavo. L’archeologo ha aggiunto che la sala potrebbe aver fatto parte di un appezzamento più grande o di una fattoria. “Abbiamo avuto l’opportunità di scavare solo una parte della sala, ma probabilmente ci sono diverse case nascoste sotto il pacciame a est. Un edificio di questa natura raramente sta in piedi da solo”, ha affermato. 

Il team ha anche collegato provvisoriamente la struttura, “una casa leggermente più grande della media” secondo Knudsen, a un nobile o leader locale, un certo Runulv den Rådsnilde. Un indizio fondamentale è l’esistenza di una pietra runica, non lontana dal sito di scavo, su cui sono incise le parole: “Hove, Thorkild, Thorbjørn posero la pietra del loro padre Runulv den Rådnilde”. Il monumento, di cui è stata accertata la provenienza dalla zona, risale al 970-1020 d.C.. 

È difficile provare che la sala vichinga ritrovata appartenesse alla famiglia di Runulv den Rådsnilde, ma è certamente una possibilità“, ha aggiunto Knudsen. “Se non altro, la pietra runica e la sala rappresentano la stessa classe sociale ed entrambe appartengono all’élite della società”. Essendo un edificio di proprietà di un personaggio di spicco, la sala potrebbe essere servita a scopi quotidiani, oltre a funzionare come sede di grandi riunioni politiche e di gilde vichinghe. 

Gli archeologi riprenderanno gli scavi nei prossimi mesi con l’intenzione di datare al carbonio la sala per individuare con maggiore precisione le origini della struttura. I risultati della ricerca sono attesi per la fine del 2023.