Incidenti in montagna: escursionista scivola e muore sul Gran Sasso, era un docente Univaq

I soccorritori non hanno potuto fare altro che constatare il decesso
MeteoWeb

Tragico incidente sul Gran Sasso: un escursionista aquilano è morto mentre percorreva il sentiero del centenario. La moglie, preoccupata per il mancato rientro del marito, ha lanciato ieri l’allarme e sul posto sono intervenuti i soccorritori del Soccorso alpino dell’Abruzzo. L’auto del 66enne è stata individuata a Vado di Corno e poi l’uomo è stato localizzato attraverso il cellulare. I soccorritori lo hanno raggiunto ieri ma non hanno potuto fare altro che constatare il decesso: è possibile che l’uomo sia morto dopo essere scivolato in una zona molto impervia. Il recupero della salma avverrà stamattina con il supporto dell’elicottero del 118 dell’Aquila.

L’escursionista aquilano deceduto è Berardino Romano, docente universitario dell’Aquila, di 66 anni. Era professore ordinario di Pianificazione territoriale e Tecnica urbanistica. Si era laureato in Ingegneria Civile all’Aquila nel 1983 col massimo dei voti, svolgendo una tesi di laurea avente per oggetto la metodologia di studio per la pianificazione di un Parco Naturale Regionale e la sua applicazione al comprensorio del massiccio montuoso del Gran Sasso d’Italia. Da anni studiava il fenomeno del consumo del suolo e della dispersione urbana, argomenti sui quali aveva scritto report e studi scientifici per conto di Ispra.

Condividi