Alluvione Toscana, le incredibili piogge che hanno provocato l’esondazione del Bisenzio: dati pazzeschi

Alluvione Toscana, 5 ore di fase acuta tra le 16 e le 21: così le piogge hanno portato all’esondazione del Bisenzio
MeteoWeb

In Val di Bisenzio, in occasione della devastante alluvione del 2 novembre in Toscana, la fase acuta della perturbazione si è consumata in cinque ore nell’orario compreso tra le 16 e le 21. È quanto emerge dalla relazione ‘Cronaca in numeri di un disastro’ messa a punto da Rodolfo Ricò, comandante della Polizia municipale della Val di Bisenzio. La centralina meteo dell’Associazione ValbisenzioMeteo posizionata a Vaiano Ecoparco, ha registrato una cumulata di 242,8mm in 24 ore; quella di Schignano oltre 173mm; Sofignano oltre 227mm; Vaiano centro oltre 228mm, si legge nella relazione. Fortunatamente più a nord, sempre con valori abbondanti, le cose sono andate meglio.

Il confronto con i dati, non omogenei, ma significativi della Regione Toscana relativi all’intero bacino idrografico di Prato evidenziano l’eccezionalità del fenomeno: i cumulati medi del mese di novembre del periodo 1992-2023 sono di 166mm con una punta straordinaria di 447mm nel 2019.

I dettagli

Ad una prima fase violenta della perturbazione che va dalle 16 alle 17 con oltre 43mm di pioggia, segue una mezz’ora di relativa calma; le precipitazioni poi riprendono dalle ore 17:30 con cumulati importanti (47,6mm) nell’ora e mezza successiva; ma è dalle ore 19 che l’intensità torna a crescere a livello di nubifragio con 19,6mm dalle 19 alle 19:30 cui si aggiungono i 27,4mm della mezzora successiva ed ancora a crescere, 30,2mm dalle ore 20 alle ore 20:30; 29,2mm nella mezz’ora successiva (media oraria 59,4mm). Dopo questa sfuriata, il fenomeno cala a valori normali.

La relazione prende in considerazione l’unico punto dotato di strumentazione idrometrica: Gamberame. Fino all’inizio delle precipitazioni intense, il Bisenzio rimane a livelli idrometrici intorno ai 55cm. Dalle ore 16, inizia un’inesorabile ascesa: in poco più di due ore dall’inizio delle piogge, viene superato il primo livello di guardia (1,91 ml ore 18:15); dopo solo 45 minuti si oltrepassa (2,85 ml) il secondo livello di guardia: sono le ore 19. Da questo momento, la crescita diviene impressionante. Il raggiungimento dei livelli ha comportato l’esondazione del fiume in località Gamberme, Camino, La Briglia, La Tignamica, Il Fabbro ed è credibile che gli effetti potrebbero essere stati peggiori laddove a valle il fiume fosse stato contenuto dagli argini.

Condividi