Clima, inseguendo la luce: studio trova nuovi indizi sul riscaldamento dell’Artico

Artico, ecco come il clima influenza la riduzione della riflettività della luce solare: i risultati di un nuovo studio
MeteoWeb

L’Artico si sta riscaldando a un ritmo quattro volte più veloce del resto del nostro pianeta. Con un nuovo studio, i ricercatori dei Sandia National Laboratories alzano il sipario sulla riduzione della riflettività della luce solare, o albedo, che sta sovralimentando il riscaldamento dell’Artico. Gli scienziati hanno attinto ai dati dei radiometri satellitari GPS, catturando la luce solare che “rimbalza” sull’Artico. “Il riscaldamento irregolare nell’Artico è sia una curiosità scientifica che una preoccupazione urgente, che ci porta a chiederci perché questo paesaggio sia cambiato in modo così drastico”, ha affermato Erika Roesler, scienziata dell’atmosfera e del clima a Sandia.

Studi precedenti hanno suggerito che i feedback dell’albedo del ghiaccio marino stanno probabilmente guidando l’amplificazione dell’Artico. Questi feedback sull’albedo possono essere suddivisi in due aree principali. Innanzitutto, c’è una riduzione complessiva del ghiaccio marino, che porta a una maggiore esposizione dell’oceano oscuro. Questo assorbe più luce solare rispetto al ghiaccio coperto di neve e aumenta la temperatura. Il secondo fattore è la riflettività del ghiaccio marino rimanente, o albedo locale, che include l’acqua stagnante sul ghiaccio a causa dello scioglimento.

I ricercatori di Sandia miravano a comprendere meglio la riduzione della riflettività nell’Artico. Lo scienziato senior Phil Dreike ha collaborato con la US Space Force per ottenere il permesso di analizzare dati precedentemente inediti dai radiometri sui satelliti GPS. “I nuovi set di dati climatici osservativi sono unici”, ha affermato Roesler. “Per qualificarsi come set di dati climatici, le osservazioni devono abbracciare una moltitudine di anni. I progetti scientifici su piccola scala in genere non hanno una durata così lunga, il che rende questo set di dati particolarmente prezioso”.

Riduzione dell’albedo

Amy Kaczmarowski, ingegnere di Sandia, ha condotto un’analisi dei dati che vanno dal 2014 al 2019. “Ci sono state numerose misurazioni locali e discussioni teoriche riguardanti gli effetti della formazione di pozze d’acqua sull’albedo del ghiaccio”, ha detto Kaczmarowski. “Questo studio rappresenta uno dei primi esami completi degli effetti anno dopo anno nella regione artica. L’analisi dei dati di Sandia ha rivelato una diminuzione dal 20% al 35% della riflettività totale durante l’estate artica. Secondo le misurazioni a microonde dell’estensione del ghiaccio marino raccolte durante lo stesso periodo, un terzo di questa perdita di riflettività è attribuita al ghiaccio completamente sciolto”. Gli altri due terzi della perdita di riflettività sono probabilmente causati dall’erosione del ghiaccio marino rimanente.

La scoperta chiave qui è quanto il ghiaccio deteriorato sta riducendo la riflettività”, ha aggiunto Kaczmarowski. Il ghiaccio eroso si riferisce al ghiaccio marino rimanente, che può essere più sottile e contenere stagni di fusione.

Si prevede che i satelliti GPS continueranno a fornire dati fino al 2040. Il team di Sandia spera che altri ricercatori considerino le loro scoperte, recentemente pubblicate sulla rivista Nature Scientific Reports, e le incorporino nei loro modelli per l’amplificazione dell’Artico. Hanno in programma di continuare a estrarre i dati GPS e sono entusiasti di collaborare con altri ricercatori sul clima per ulteriori analisi. “Continueremo a utilizzare questi dati per indagare varie regioni della Terra per applicazioni climatiche”, ha affermato Kaczmarowski.

Condividi