L’origine della vita svelata dalla Blockchain, calcolate 10 miliardi di reazioni chimiche

Un team internazionale di ricercatori ha adottato una strategia innovativa
MeteoWeb

Il concetto innovativo di utilizzare la tecnologia blockchain per esplorare le origini della vita ha guidato un gruppo di ricerca internazionale, capitanato da Bartosz A. Grzybowski dell’Istituto coreano per le scienze di base e dell’Accademia Polacca delle Scienze. Lo studio, pubblicato sulla rivista Chem, ha coinvolto il calcolo di quasi 10 miliardi di possibili reazioni chimiche, potenzialmente responsabili della formazione delle prime forme di vita sulla Terra primordiale.

Si presume che le prime manifestazioni di vita siano emerse attraverso l’evoluzione graduale di reazioni chimiche autoreplicanti, dove molecole, una volta formate, attivavano la produzione di nuove copie di sé stesse, seguendo un principio simile a quello del DNA. Tuttavia, l’origine di queste molecole a partire da composti molto semplici esistenti sulla Terra oltre 4 miliardi di anni fa rimane ancora un enigma.

Per affrontare questa sfida, i ricercatori hanno adottato una strategia innovativa, organizzando una “gara” tra computer di tutto il mondo ispirata al meccanismo di base della blockchain, noto per il suo utilizzo nelle transazioni di Bitcoin. Questa competizione continua tra computer, che registra e valida tutte le transazioni, è stata adattata per esplorare circa 10 miliardi di potenziali reazioni chimiche nel calderone primordiale della vita.

Il risultato di questo approccio è stato il restringimento del campo di ricerca a 4,9 miliardi di reazioni, con la selezione di circa un centinaio di reazioni autoreplicanti. Sebbene il metodo non abbia ancora identificato un candidato definitivo per l'”innesco” della vita, ha fornito importanti indicazioni e rappresenta un esempio di successo di scienza collaborativa. L’uso di reti di computer distribuite in tutto il mondo per analizzare dati scientifici è dimostrato essere una pratica replicabile in progetti scientifici diversi.

Condividi