La siccità persiste in Sicilia, il 45% della regione in condizioni di allerta

La preoccupante situazione è stata documentata attraverso le immagini catturate dal satellite Sentinel-2
MeteoWeb

Nonostante la stagione delle piogge, la Sicilia continua ad affrontare una crisi idrica. Secondo i dati forniti dall’Osservatorio europeo sulla siccità del Servizio di gestione delle emergenze Copernicus, la situazione è critica, con il 45% della regione attualmente classificato in condizioni di allerta. Questa preoccupante situazione è stata documentata attraverso le immagini catturate dal satellite Sentinel-2 il 2 gennaio sia nel 2023 che nel 2024, evidenziando un persistente deterioramento delle risorse idriche.

siccità sicilia

Copernicus e l’Osservazione della Terra

Copernicus è il programma di osservazione della Terra dell’Unione Europea, dedicato a monitorare il nostro pianeta e il suo ambiente a beneficio di tutti i cittadini europei. Offre servizi di informazione basati sull’osservazione satellitare della Terra e dati in situ (non spaziali). Il programma è coordinato e gestito dalla Commissione europea ed è attuato in collaborazione con gli Stati membri, l’Agenzia spaziale europea (ESA), l’Organizzazione europea per l’esercizio dei satelliti meteorologici (EUMETSAT), il Centro europeo per le previsioni meteorologiche a medio termine (CEPMMT), le agenzie dell’UE e Mercator Océan.

Il programma utilizza enormi quantità di dati globali provenienti da satelliti e da sistemi di misurazione terrestri, aerei e marittimi per fornire informazioni che aiutino i prestatori di servizi, le autorità pubbliche e altre organizzazioni internazionali a migliorare la qualità della vita dei cittadini europei. I servizi di informazione forniti sono accessibili agli utenti del programma in modo libero e gratuito.

La missione Copernicus Sentinel-2 comprende una costellazione di due satelliti in orbita polare posti nella stessa orbita eliosincrona, il cui scopo è monitorare la variabilità delle condizioni della superficie terrestre.

Condividi