Darwin Day, il 12 febbraio appuntamento al Museo Darwin-Dohrn

Il Darwin Day fu istituito nel 1882 in Inghilterra e negli USA subito dopo la morte del grande scienziato
MeteoWeb

Il 12 febbraio, nella grande sala polifunzionale del Museo Darwin-Dohrn, verrà celebrato il Darwin Day 2024 della Stazione Zoologica Anton Dohrn, con ingresso gratuito fino a esaurimento posti. Dopo i saluti istituzionali del nuovo presidente della Stazione Zoologica, prof. Roberto Bassi, la kermesse pomeridiana vedrà succedersi quattro relatori che parleranno di Charles Darwin e della sua grande eredità scientifica.

Silvia Caianello, storica della scienza, parlerà di Anton Dohrn come darwinista accanito nella Napoli postunitaria. Sarà poi la volta di Graziano Fiorito che illustrerà l’evoluzione dell’intelligenza alla luce dell’idea di Darwin. Marco Signore racconterà di chi ha influenzato il pensiero e gli scritti del grande naturalista inglese, che verrà visto poi come influencer nella narrazione di Ferdinando Boero, rivelando come Darwin ha di fatto influenzato il nostro mondo.

Il Darwin Day fu istituito nel 1882 in Inghilterra e negli USA subito dopo la morte del grande scienziato. In Italia, la ricorrenza è stata ufficialmente istituita nel 2004, soprattutto per promuovere la cultura della scienza in un momento in cui è estremamente importante ricordare il fondamentale contributo di ricercatori e studiosi per l’evoluzione stessa non solo del pianeta, ma della civiltà umana. Per questo è importante ricordare il compleanno dello studioso che ha probabilmente più di ogni altro influenzato il nostro modo di concepire il mondo ma anche noi stessi, creando una vera e propria rivoluzione sin dall’epoca Vittoriana.

La Stazione Zoologica Anton Dohrn fu fondata nel 1872 dal naturalista tedesco Felix Anton Dohrn, proprio per la sua decisione di dimostrare le teorie darwiniane studiando la vita nel mare. L’istituzione della Stazione, e due anni dopo dell’Aquarium (di cui proprio quest’anno ricorre il 150° compleanno) ha donato alla città di Napoli uno dei più grandi centri di eccellenza della ricerca scientifica mondiale.

Condividi