Gli elefanti africani si salutano: l’incredibile video

Gli elefanti avevano più probabilità di usare gesti visivi, come allargare le orecchie, raggiungere il tronco o oscillare il tronco, quando venivano osservati
MeteoWeb

Gli elefanti africani (Loxodonta africana) possono cambiare il modo in cui si salutano a seconda che l’altro elefante li stia guardando o meno, trova uno studio su nove elefanti pubblicato su Communications Biology. Lo studio rileva anche che gli elefanti utilizzano diverse combinazioni di gesti come battere le orecchie e vocalizzazioni come trombe nei loro saluti, che possono favorire il riconoscimento individuale e il legame sociale.

I saluti degli elefanti

Ricerche precedenti hanno riferito che gli elefanti spesso si impegnano in rituali di saluto che coinvolgono vocalizzazioni e azioni fisiche. Tuttavia, non è stato chiaro se queste azioni fisiche siano gesti deliberati usati per la comunicazione e come gesti e vocalizzazioni siano combinati durante i saluti.

Vesta Eleuteri, Angela Stoeger e colleghi hanno studiato le vocalizzazioni e le azioni fisiche usate durante i saluti degli elefanti osservando gli elefanti della savana africana in semi-cattività che vivono nella riserva di Jafuta, Zimbabwe, tra novembre e dicembre 2021. Gli autori hanno osservato 89 eventi di saluto composti da 1.282 comportamenti di saluto, di cui 1.014 azioni fisiche e 268 vocalizzazioni.

Gli autori hanno scoperto che gli elefanti si salutavano con specifiche combinazioni di vocalizzazioni e gesti, come battito di orecchie o spalmature, oltre ad altri movimenti fisici apparentemente meno deliberati, come alzare la coda e scodinzolare. La combinazione di rombo e battito d’orecchio era la forma più comune di saluto, anche se questo veniva usato più frequentemente tra femmine che tra maschi.

Hanno anche osservato che la minzione, la defecazione e le secrezioni di una ghiandola sudore unica per gli elefanti – conosciuta come ghiandola temporale – erano presenti nel 71% dei saluti, suggerendo che l’odore potrebbe giocare un ruolo importante durante il saluto.
Gli autori hanno anche osservato che i metodi di comunicazione usati dagli elefanti durante i saluti variano a seconda che il soggetto del loro saluto li guardasse.

L’incredibile video

Gli elefanti avevano più probabilità di usare gesti visivi, come allargare le orecchie, raggiungere il tronco o oscillare il tronco, quando venivano osservati, ma avevano più probabilità di usare gesti che producono un suono, come battere le orecchie e schiaffeggiare le orecchie sul collo, o di toccare il destinatario di il loro saluto con il baule quando non sono osservati.

Insieme, i risultati suggeriscono che gli elefanti si salutano combinando vocalizzazioni e gesti e che possano deliberatamente modificare i loro metodi di comunicazione a seconda che abbiano l’attenzione visiva dell’individuo che sta salutando. Ricerche precedenti hanno riferito che scimpanzé e altre scimmie combinano anche vocalizzazioni e gesti e modificano i loro metodi di comunicazione in risposta al fatto che vengono osservati. Gli autori propongono che questi metodi di comunicazione possano essersi evoluti indipendentemente in queste specie lontanamente imparentate per mediare le interazioni sociali.

Condividi